Rocca Calascio

Rocca Calascio

Testo & Immagini di Vito Coppola

Attendere che la pagina sia stata completamente caricata prima di cliccare per la versione ingrandita.

L'Abruzzo è un territorio che possiede un vasto numero di fortificazioni e castelli: il posto d'onore spetta sicuramente a Rocca Calascio, dove il Castello posto a 1.460 m. s.l.m. è il più alto dell'Italia Centrale e tra i più elevati d'Europa.

Rocca Calascio
Rocca Calascio
Il Castello di Rocca Calascio (AQ. Abruzzo) il piu' alto d'Italia 1460 mt s.l.m. e fra i più elevati d'Europa
La straordinaria alba

Se si chiedesse ad una bambina di disegnare il castello delle fiabe, quello nel quale un cavaliere cattivo tiene imprigionata la principessa triste e dove un altro cavaliere, ma buono, sale per liberarla, sicuramente la sua piccola manina disegnerebbe i contorni di un castello simile a quello di Rocca Calascio.

Rocca Calascio
Rocca Calascio

Il Castello e' di forma quadrata,oggi parzialmente scapitozzato,sembra essere stato una torre d'avvistamento alto Mediovale,se non addirittura Romana...,domina il versante sud del Gran Sasso d'Italia e si trova ai confini con Campo Imperatore

Per salire fino a qui si percorre la strada che dall'Aquila va verso Santo Stefano di Sessanio: il paesaggio è aspro, campi strappati alle pietre per far pascolare le pecore. Dopo qualche curva appare il castello nato per difendere il ricco commercio fiorentino medievale della lana: il primo nucleo risale al 1100, ma forse ancora prima c'era una fortificazione di epoca romana.

Rocca Calascio
Rocca Calascio
La veduta che si gode dal castello su Campo Imperatore e il Gran Sasso
La veduta che si gode dal castello sulla piana di Novelli

Il panorama sublime è ineguagliabile, uno scenario che solo gli occhi possono descrivere, e lo sguardo spazia dalle vette del Gran Sasso ai Monti Prena e Camicia, alla Maiella ed al Morrone, ai Monti Marsicani ed ai più vicini Sirente e Velino.

Il sito è aperto al pubblico gratuitamente, ma è raggiungibile solo a piedi. Il castello costruito interamente in pietra presenta una pianta quadrata con torrioni circolari d'angolo ed un maschio centrale quadrato; la torre centrale non è visitabile ma è possibile passeggiare lungo il borgo antico ed al primo piano del castello.

Rocca Calascio
Rocca Calascio
Quest'apertura sulla parete del maschio centrale,era l'unico accesso all'interno tramite una scala che veniva appoggiata ai due sostegni posti sotto la finestra;la scala veniva poi retrata come ottimo sistema di difesa da eventuali attacchi...,ai giorni nostri è stata creata un' apertura sottostante per i visitatori
Il ponte di legno,un tempo retrattile,posto a circa 5 mt. da terra

La rocca era collegata al borgo tramite una scala lignea, un tempo retrattile ed oggi fissa.

Rocca Calascio
Rocca Calascio
La parete all'ingresso del maschio centrale
L'ingresso al castello tramite un ponte di legno,che e' anche l'unico accesso

Rocca Calascio
Rocca Calascio
Cinta muraria

Rocca Calascio

La cinta muraria del borgo si sviluppa sul lato nord per circa 300 metri e su quelo meridionale per circa 400 metri.

Sul lato nord ancora oggi si notano tre torri di fiancheggiamento, mentre all'estremo nord di tutta l'area si erge la rocca che sembra nascere naturalmente dallo strapiombo roccioso.

Costriuto intorno all'anno 1000 il castello era destinato ad un uso esclusivamente militare in quanto posto in una situazione ambientale favorevole dal punto di vista difensivo.

Si pensi che di lì si poteva comunicare mediante l'ausilio di torce durante la notte e di specchi nelle ore diurne fino ad arrivare a collegamenti ottici con i castelli della costa adriatica.

La luce del tramonto su una delle quattro torri con lo scorcio di Luna in lontanazza

 

Rocca Calascio
Rocca Calascio
La struttura interna delle quattro torri
Una veduta della chiesa dal castello

Il ruolo strategico fu potenziato quando la fortificazione, nella seconda metà del quattrocento, passò dalla Baronia di Carapelle al dominio di Piccolomini, i quali rafforzarono il presidio aggiungendo le quattro poderose torri cilindirche. Poi tutt'intorno le abitazioni: case-torri con tre o quattro piani che nel loro sviluppo prevalemtemente verticale riproponevano la funzione di difesa e avvistamento.

Rocca Calascio
Rocca Calascio
Chiesa Santa Maria della Pieta', poco lontano dal castello...su un piccolo pianoro a strapiombo,sorge la cappella a pianta ottagonale costruita secondo la tradizione come memoria dello scontro a morte tra una banda di briganti e le truppe dei feudatori del luogo

Nelle vicinanze della Rocca si trova la Chiesa di Santa Maria della Pietà costruita dai soldati dei Piccolomini per ringraziare la Madonna della Vittoria, in una sangiunosa battaglia, su un gruppo di briganti provenienti dal confinante Stato Pontificio.

Rocca Calascio
Rocca Calascio
Il meraviglioso tramonto

La sua posizione straordinariamente panoramica, la forma pura delle sue torri circolari ed il suo suggestivo stato di rovina ormai consolidata sono elementi che fanno della rocca il "castello" per eccellenza; ha conservato un fascino di una landa antica in cui il tempo sembra essersi fermato al medioevo.

Oggi la Rocca è conosciuta dal grande pubblico per essere stata oggetto di grandi set cinematografici, come "Il nome della rosa", "Padre Pio" e "Lady Hawak", una stupenda favola ambientata nel medioevo.

Articoli Correlati
Commenta su Facebook
Commenta questa notizia! Basta registrarsi al forum di ZMPHOTO. Clicca QUI.
Galleria Fotografica
Torre delle stelle
Farfalle
Gesti di speranza
test
Nudo
Gattone
How many roads must a man walk down before you call him a man...
La terra dai 7 colori
Cecilia
Microcosmo VI
il martino solito giorno
nebbia
Trasimeno
Marina di Alberese
Oxana

Direttore Responsabile Marco Zanirato
ZMPHOTO Ŕ testata giornalistica registrata presso il tribunale di Monza, n. 1934 del 1/12/2008
Copyright © 2003-2016 zmphoto.it Tutti i diritti riservati.
ISSN 1827-3653 - P.IVA 04865660965
Condizioni d'Uso & Privacy
Contatti