Minolta Z3

INTRODUZIONE

Top di gamma della serie Z la nuovissima Minolta Z3 colpisce subito per il suo design ultra moderno e originale. L'aspetto hi-tech è sottolineato dalla colorazione alluminio e dalla vistosa cromatura che incornicia l'ottica.

Stupefacenti le caratteristiche per una macchina di questa fascia di prezzo. Tra le più importanti troviamo lo zoom ottico GT APO 12x, il sensore CCD da 4 Megapixel, una interessantissima modalità video, un nuovo sensore autofocus, e non ultimo il sistema antivibrazioni "Anti-Shake System".

DESIGN & COSTRUZIONE

Di dimensioni molto contenute, il corpo macchina è ben studiato e piacevole esteticamente. La parte sinistra è quasi completamente dedicata al potente zoom mentre la destra è caratterizzata dalla comodissima impugnatura al cui interno è posizionato il vano porta batterie. Nella parte superiore troviamo il flash incorporato montato su uno sportellino da azionare a mano, la slitta per un flash esterno e gran parte dei comandi operativi. Imponente la ghiera di selezione dei programmi pre impostati con icone e simboli molto grandi e ben leggibili. Attorno sono disposti la leva per lo zoom, il pulsante per azionare la modalità macro e il comando di selezione per la modalità flash. All'estremità dell'impugnatura è invece situato il pulsante di scatto. La scelta della posizione è ottima e ben studiata ergonomicamente. La parte sinistra è molto lineare con curve morbide a seguire la sagoma dell'ottica. E' presente solamente un piccolo sportellino in gomma posto a protezione dei contatti per l'uscita video e la presa USB. Nella parte posteriore trovano posto il display LCD da 1,5 pollici, il pulsante di accensione / selezione modo operativo e il joystick di navigazione. E' inoltre presente il mirino di tipo elettronico con possibilità di regolazione diottriche. Infine sul fondo della macchina sono presenti il vano batterie, l'alloggiamento per le schede SD e il classico attacco per il treppiedi ben posizionato in corrispondenza dell'asse dell'ottica ma purtroppo realizzato in plastica.

Per quanto riguarda la costruzione e la scelta dei materiali la nuova Minolta Z3 non ci ha impressionato. L'intera macchina è costruita in plastica di discreta qualità. L'assemblaggio è buono e non si avvertono evidenti scricchiolii. Alcune parti tuttavia, come ad esempio il coperchietto che protegge il vano memoria, sono troppo delicati e destinati a rompersi se non maneggiati con estrema attenzione.

Alcuni particolari invece ci hanno piacevolmente colpiti come ad esempio le rifiniture anti scivolo realizzate in mobida gomma presenti sull'impugnatura e sulla parte sinistra dell'ottica: ottime per avere una buona presa ed evitare spiacevoli cadute della macchina.

Ottima l'ergonomia. La macchina si impugna con sicurezza, merito dell'ottima conformazione dell'impugnatura, e i comandi sono disposti con cura e sempre raggiungibili senza sforzo. Chiare e ben leggibili anche le scritte con l'indicazione della funzione associata a ogni tasto.

FUNZIONI & COMANDI

La prima caratteristica che stupisce della Minolta Z3 è la potenza dello zoom. Equivalente, nel formato 35mm, a un 35-420mm assicura immagini nitide, ben contrastate mantendo entro limiti accettabili la distorsione che tuttavia è abbastanza visibile soprattutto in modalità grandangolo. La massima apertura è di f/2.8 a 35mm mentre alla massima estensione scende a f/4.5.

Minolta Dimage Z3 Wide
Minolta Dimage Z3 Tele

Un'ottica con una tale estensione sarebbe praticamente inutilizzabile a mano libera e richiederebbe il continuo uso di un treppiedi. Fortunatamente la Minolta Z3 è dotata dell'innovativo sistema Anti-Shake System capace di compensare vibrazioni e movimenti involontari della macchina contribuendo alla realizzazione di immagini sempre nitide. A differenza delle soluzioni adottate dalle altre case, Minolta ha applicato il sistema di compensazione delle vibrazioni direttamente sul sensore. In questo modo l'ottica ne guadagna in leggerezza e compattezza, caratteristiche importantissime per una macchina point and shot. Dal punto di vista delle prestazioni l'utilità dello stabilizzatore è innegabile. Infatti dai test emerge che è possibile fotografare con tempi di posa fino a 2 - 3 stop più lenti rispetto a quanto sarebbe possibile senza stabilizzatore. Questo porta grandissimi vantaggi sia intermini di praticità d'uso consentendo di viaggiare senza treppiedi e di poter fotografare a mano libera anche in condizioni di scarsa luce sia in termini di qualità delle immagini che risulteranno sempre più nitide e definite anche in condizioni di luce ottimali.

Nuovo anche il sensore CCD, ora dotato di ben 4 Megapixel. Inoltre integra una tecnologia proprietaria Minolta denominata CxProcess II grazie alla quale le immagini registrare risultano essere fedeli alla scena ripresa con colori equilibrati e grande dettaglio.

Il sistema autofocus, il più veloce della categoria, è di tipo predittivo. Questo significa che è in grado di anticipare i movimento del soggetto inquadrato mantenendolo di fatto sempre a fuoco. I tempi di reazione vanno da circa 0.15 sec per mettere a fuoco in modalità grandangolo a circa 0.2 per la massima estensione dello zoom.

Infine la Minolta Z3 è dotata di una delle migliori modalità video della categoria. E' possibile riprendere filmati con diverse risoluzioni; da 320x240 fino alla risoluzione VGA con video registrati a 640x480 a 30fps con audio.

SUL CAMPO

Il peso e l'ingombro, tutto sommato contenuto, fanno della Minolta Z3 un'ideale compagna di viaggio. Durante i nostri test la macchina si è comportata molto bene risultando sempre pronta e reattiva in tutte le situazioni. L'autofocus, punto debole di tutte le compatte, è molto buono. Veloce in modalità grandangolo e con qualche incertezza in più man mano che si raggiunge la focale massima. Le incertezze peggiorano se il soggetto non è perfettamente illuminato e il punto di messa a fuoco non ha sufficiente contrasto ma difficilmente siamo stati costretti a non scattare a causa della di difficoltà nella messa a fuoco.

Utilizzare i comandi e le diverse funzioni messe a disposizione ci è sembrato molto semplice ed intuitivo merito soprattutto dell'ottima ergonomia.

Anche il menu interno della Minolta Z3 è molto ben fatto. Le varie schermate raggruppano impostazioni affini e dedicate a funzioni simili. La navigazione è semplice grazie al joystick integrato sul retro della macchina.

Il display lcd, forse un po' troppo piccolo ,si è comportato bene. La luminosità è ottima e abbiamo avuto qualche difficoltà solo in pieno sole. La risoluzione invece non è delle migliori e in alcuni casi insufficiente a valutare la perfetta messa a fuoco.

Incredibilmente completo invece il set di informazioni che vengono proposte in sovra-impressione durante la ripresa. Le diverse icone sono visualizzate con chiarezza senza togliere troppo spazio alla scena inquadrata pur consentendo il pieno controllo sui parametri della macchina. Le principali includono tempo, diaframma, modo operativo, compensazione dell'esposizione, stato batteria, valore ISO e scatti rimanenti. Premendo il tasto i+, posto vicino all'LCD è poi possibile visualizzare anche un istogramma che in tempo reale reagisce alle condizioni di luce della scena inquadrata dando un aiuto fondamentale per impostare la giusta esposizione.

La qualità delle immagini è molto buona. I colori sono sempre risultati ben saturi e i passaggi tonali molo piacevoli. Il contrasto e la definizione sono buoni mentre solo discreto il livello di rumore. In particolare il disturbo è presente ma in modo ridotto a ISO 50. Aumentando la sensibilità a 100 e 200 ISO la presenza di rumore si fa più evidente pur rimanendo entro limiti accettabili difficilmente avvertibili nell'immagine finale stampata. A ISO 400, il massimo per la Minolta Z3 il rumore è invece molto presente e peggiora in modo vistoso la qualità delle immagini.

Molto interessante la modalità video. La nuova Minolta Z3 può registrare filmati in 3 modalità differenti: 320x240 standard, 640x480 standard e 640x480 fine. In tutti i casi è possibile scegliere tra 15 o 30 fps. La prima modalità offre una qualità abbastanza scarsa soprattutto se si voglio visualizzare i filmati in tv ma ha il vantaggio di occupare poco spazio. Sulla scheda SD da 16MB in dotazione siamo riusciti a memorizzare circa 1 min. di video. Le altre due modalità, soprattutto se impostate a 30fps, permettono di registrare video molto simili per qualità a quelli di una normale video camera. Purtroppo lo spazio occupato è esponenzialmente maggiore e sulla scheda in dotazione siamo riusciti a memorizzare solo 9 secondi di video.

Notevole poi la possibilità di azionare lo zoom durante la registrazione anche se il motorino interno è molto rumoroso e il ronzio viene memorizzato insieme all'audio del video. A completare la dotazione, la Z3 mette anche a disposizione una modalità notturna per riprendere in condizioni di scarsa luce.

CONCLUSIONI

La nuova Minolta Z3 è una buona macchina. Il potentissimo zoom 12x è molto versatile e si comporta bene in ogni situazione mettendo a disposizione del fotografo sempre la giusta lunghezza focale. Il sensore da 4 Megapixel produce immagini molto dettagliate e con un livello di rumore ragionevole almeno a ISO bassi. Il sistema autofocus è affidabile anche se non velocissimo. Ergonomicamente valida ha dimensioni tali da renderla una compagna ideale per viaggi e passeggiate. Infine la semplicità d’uso e i molti extra come la possibilità di girare piccoli video contribuiscono ad alzare il nostro giudizio.

Nel complesso siamo soddisfatti della Minolta Z3. E’ una macchina che ben si adatta al principiante ma che saprà dare soddisfazioni anche all’appassionato più evoluto. Ottimo il rapporto prezzo- prestazioni.

IMMAGINI

Minolta Dimage Z3 Macro

MACRO

Le prestazioni in modalità macro della nuova Minolta Dimage Z3 sono discrete. La minima distanza di messa a fuoco è ottima ( solo 1 cm in Super Macro ). Tuttavia in alcuni casi il sistema autofocus ha qualche difficoltà rendendo necessario ripetere più volte l’operazione.

Minolta Dimage Z3 Foto Notturna

FOTO NOTTURNA

In questo genere di fotografia la Minolta Dimage Z3 ci ha stupiti. Non solo è possibile impostare un tempo di posa fino a ben 15” ma è addirittura presente la modalità posa tipica delle reflex. Premendo una volta il tasto di scatto si apre l’otturatore che rimarrà aperto fino a una nuova pressione. Le immagini prodotte vengono processate dalla macchina per eliminare il rumore in eccesso e i risultati sono davvero buoni.

Minolta Dimage Z3 Stabilizzatore

STABILIZZATORE

Con una tale estensione focale ( 12 X ) sarebbe stato difficile ottenere immagini nitide soprattutto alla massima focale. In nostro aiuto interviene l’ottimo stabilizzatore integrato nel supporto per il sensore CCD che è in grado di compensare vibrazioni e movimenti involontari consentendo tempi di posa più lenti del normale fino a 2-3 stop.

RESA DEI COLORI

La resa dei colori della Minolta Dimage Z3 grazie all’innovativa tecnologia CxProcess II,grazie alla quale le immagini catturate saranno identiche all’originale, è molto buona. I passaggi tonali sono resi con precisione e le tinte sono ben saturate. Ottimo anche il sistema di bilanciamento del bianco sempre preciso e accurato.

Articoli Correlati
Commenta su Facebook
Commenta questa notizia! Basta registrarsi al forum di ZMPHOTO. Clicca QUI.
Galleria Fotografica
Heart & Eart
Mont St. Michel
Oltre
Gattone
Maestosa
Girl between the chains
Semplicemente Vanessa
dag 2
Winter Sea
Le debut de la nuit  #3
In your Eyes
Lugano Lake
Sara 04A
No words
Unexpected sunset

Direttore Responsabile Marco Zanirato
ZMPHOTO Ŕ testata giornalistica registrata presso il tribunale di Monza, n. 1934 del 1/12/2008
Copyright © 2003-2016 zmphoto.it Tutti i diritti riservati.
ISSN 1827-3653 - P.IVA 04865660965
Condizioni d'Uso & Privacy
Contatti