Fujifilm X-S1 - ZMPHOTO

Canon EOS 70D

21 Ottobre 2013 - Testo & Immagini: Marco Zanirato

Introduzione

Canon EOS 70D è l'ultima nata tra le reflex digitali di casa Canon: doppia cifra ( 70D ) ad indicare l'appartenenza alla fascia "intermedia" o prosumer della lineup ma caratteristiche da prodotto di categoria superiore tanto da renderla, al momento, una delle reflex più interessanti sul mercato.

A destare tanto interessante per la nuova Canon EOS 70D il nuovo Dual Pixel CMOS AF un sensore che integra tecnologie all'avanguardia per la messa a fuoco ( a rilevamento di fase ), rapida e precisa, in modalità live view e durante le riprese video. Un passo in avanti notevole quindi per colmare una delle più grandi ( e fastidiose ) lacune delle moderne "video-reflex" ai massimi livelli per qualità e resa delle immagini ma ( quasi ) surclassate dalla più economica delle videocamere per quanto concerne la messa a fuoco delle stesse. Un problema grave intrinseco, se vogliamo, nella stessa natura ( reflex ) delle fotocamere dove la presenza dello specchio impedisce alla luce di raggiungere il sensore preposto alla messa a fuoco.

L'alternativa, la messa a fuoco a contrasto non aveva finora soddisfatto e, sia la modalità live view che la registrazione video erano rimasti, per chi avesse la pretesa di una messa a fuoco degna di questo nome, regno incontrastato della messa a fuoco manuale.

Canon EOS 70D propone un'alternativa e sembra farlo forte di una tecnologia che potrebbe finalmente rappresentare una vera e propria svolta nel settore. Maggiori dettagli più avanti nella recensione.

Canon EOS 70D però non è solo autofocus: come dicevamo è la nuova fotocamera di fascia intermedia di casa Canon che andrà a sostituire la precedente EOS 60D. Qui sotto una sintesi delle sue principali caratteristiche.

In Breve

Ecco in breve le principali caratteristiche della nuova Canon EOS 70D

- Sensore 20.2 Megapixel in formato APS-C con nuova tecnologia Dual Pixel CMOS AF
- Processore di immagini DIGIC 5+
- Autofocus con 19 punti a croce
- Sistema esposimetrico iFCL a 63 zone
- ISO 100 - 25.600
- 7fps ( 65 JPEG / 16 RAW )
- LCD orientabile touch da 3 pollici e 1.040.000 pixel, tecnologia ClearView II
- Video FullHD 1080p
- WiFi

Design & Costruzione

La nuova Canon EOS 70D non nasconde un'evidente somiglianza rispetto alla precedente Canon EOS 60D della quale rappresenta l'evoluzione.

Corpo macchina molto simile, quindi, seppur nelle dimensioni un po' più piccolo: 139 x 104 x 79 mme 755 g

I materiali usati sono di buona qualità: perlopiù plastica a rivestire lo chassis in metallo. Curata la costruzione e il livello di attenzione alle finiture sempre di ottimo livello.

Dal punto di vista ergonomico abbiamo apprezzato la logica distribuzione di leve e pulsanti ma soprattutto l'ottima impugnatura: ben dimensionata e rivestita in gomma antiscivolo offre la presa perfetta per impugnare la macchina in ogni condizione.

Canon EOS 70D

Il corpo macchina della nuova Canon EOS 70D è anche dotato di guarnizioni e accorgimenti tali da renderlo resistente a polvere, sabbia e spruzzi d'acqua. Non una tropicalizzazione completa ma un livello di protezione più che adeguata all'utilizzo tipico della macchina e forse a qualcosa di più.

Canon EOS 70D

La parte frontale, pulita ed essenziale, è occupata per gran parte dal bocchettone di connessione ottiche: l'attacco è compatibile con tutte le ottiche Canon della serie EF ed EF-S ( grazie al sensore in formato APS-C ) comprese le nuove ottiche STM ( con motore passo passo ideali per il video ).

E' presente inoltre una piccola luce per il controllo dello scatto remoto e la riduzione dell'effetto occhi rossi, il sensore infrarosso per il controllo remoto della fotocamera grazie al telecomando opzionale RC-6, il pulsante di controllo della profondità di campo e, sul lato opposto, il pulsante di sblocco delle ottiche e quello di rilascio del piccolo flash pop-up integrato.

Canon EOS 70DLa parte superiore della nuova Canon EOS 70D è ben organizzata. Sulla sinistra la ghiera di selezione dei programmi ( Program A priorità diaframmi S priorità tempi M manuale ), della modalità scene ( ritratto, paesaggio ), la modalità Auto + ( selezione automatica ed intelligente della modalità scena in funzione del soggetto ripreso ), modalità senza flash oltre alla modalità posa ed infine la modalità CA per richiamare le impostazioni personalizzate dall'utente.

Al centro la slitta con i contatti per il flash ed il microfono stereo che sostituisce la versione mono presente sulla precedente EOS 60D. E' inoltre presente un piccolo flash pop-up ( numero guida 12m a 100ISO )

Il lato sinistro è occupato da un ampio display monocromatico e retro-illuminabile sul quale sono visualizzati tutti i più importanti parametri operativi e le impostazioni della fotocamera. Poco sopra una fila di quattro pulsanti dedicati ad una singola funzione in modo da poter modificare autofocus, modalità di scatto, ISO e modalità esposimetrica senza dover accedere a menu della macchina. Nella parte dell'impugnatura in corrispondenza del dito indice troviamo infine il pulsante di scatto, una delle due ghiere di regolazione e il pulsante per la gestione dei punti di messa a fuoco.

Il layout dei comandi della parte superiore della nuova Canon EOS 70D è, a nostro avviso, molto ben organizzato, studiato con l'obiettivo della praticità d'uso dando la giusta priorità all'ergonomia e alle esigenze dei fotografi.

Canon EOS 70D

La parte posteriore della nuova Canon EOS 70D ospita il grande display LCD da 3 pollici, 1.040.000 pixel dotato di snodo che consente sia l'estensione laterale sia la totale libertà di movimento dal punto di vista della rotazione sul proprio asse.

L'unità è dotata della nuova struttura senza spazi tra il vetro di protezione e il vero e proprio pannello ( stessa tecnologia già vista in Canon EOS 650D ) in modo da massimizzare la resa in condizioni di luce diretta a tutto vantaggio della visibilità.

Il display infine è touch con tecnologia capacitiva: molte delle funzioni della fotocamera sono quindi gestibili in modo molto intuitivo senza dover azionare ghiere e pulsanti: una comodità della quale, una volta sperimentata l'efficacia e l'immediatezza, difficilmente si potrà fare a meno.

La parte posteriore ospita diversi altri comandi come la ghiera principale di selezione con controller multi-direzionale in posizione coassiale e relativo pulsante di conferma ( SET ). Un nuovo comando posto più in altro combina il selettore per la modalità LIVE VIEW e VIDEO con il pulsante di avvio / stop della registrazione.

Molto comodo il pulsante Q che visualizza sul display gran parte delle impostazioni della fotocamera consentendone la rapida modifica senza dover accedere a menu e sotto-menu: opzione che combinata con la comodità del touch screen rende la gestione della nuova Canon EOS 70D molto intuitiva, semplice e veloce.

Canon EOS 70D

Sul lato sinistro sono presenti il connettore per il comando a distanza, la presa per un microfono esterno, l'uscita HDMI compatibile CEC ( Consumer Electronic Control ) per gestire la riproduzione dei contenuti multimediali direttamente da un TV compatibile, e la presa USB per la connessione al computer e per la connessione Audio Video. Assente invece il connettore PC Sync per l'utilizzo sincronizzato di flash esterni. Le prese, suddivise in due gruppi, sono protette da comodi sportelli in gomma morbida.

Il lato destro invece ospita l'alloggiamento per le schede SD / SDHC e SHXC

Canon EOS 70D

La parte inferiore della nuova Canon EOS 70D ospita l'attacco per il treppiedi in posizione allineata all'asse dell'ottica e il vano batteria. L'alimentazione è fornita dallo stesso pacco batterie di Canon EOS 6D e 60D: si tratta del modello LP-E6 da 7.2V e 1.800mAh

Mirino Ottico

Canon EOS 70D Mirino

In tempi di novità tecnologiche in cui si parla tanto di mirrorless e mirini elettronici, forse è ben ricordare e porre la giusta attenzione ad una delle caratteristiche più importanti delle fotocamere reflex. Appunto reflex per via della possibilità di vedere l'immagine ripresa dall'ottica direttamente riflessa all'interno del mirino.

La nuova Canon EOS 70 è dotata di un'unità tra le più moderne ed avanzate del settore: si tratta di un mirino ottico di elevata qualità grazie al pentaprisma in vetro ( non a specchi come nei modelli di fascia inferiore ) con fattore di ingrandimento pari a 0,96% e copertura del 98% del fotogramma ( la precedente EOS 60D si fermava al 96% ).

Un display LCD trasparente è inoltre in grado di visualizzare in sovrimpressione moltissime informazioni che vanno ad integrare quelle più classiche già presenti sul bordo inferiore. Molto comoda la sovrapposizione della griglia per la composizione, dei punti o delle aree di messa a fuoco.

Dual Pixel CMOS AF

Prima di entrare nel dettaglio e descrivere la soluzione tecnologica pensata da Canon è bene chiarire il concetto di messa a fuoco a rilevazione di fase. Il principio è in realtà molto semplice.

Canon EOS 70D Mirino

La messa a fuoco a rilevamento di fase si basa sull'osservare la stessa porzione di immagine da due angolazioni leggermente differenti: l'immagine sarà a fuoco solo quando le due "viste" saranno sovrapponibili.

Canon EOS 70D Mirino

Nei sistemi di messa a fuoco tradizionali parte della luce che attraversa l'obiettivo viene deviata ad un sensore dedicato che divide il fascio luminoso e esegue le misurazioni necessarie a valutare la corretta messa a fuoco. Appare quindi evidente che il cuore del sistema è la possibilità di confronto della stessa area da due prospettive diverse.

La soluzione proposta fino ad oggi anche dalla stessa Canon in alcuni dei più recenti prodotti è stata quella di utilizzare alcuni pixel presenti sul sensore ( disposti in aree strategiche ) mascherandone una metà. La visione "parziale" di questi pixel confrontata con i dati proveniente da altri pixel schermati in modo opposto consente i calcoli necessari alla messa a fuoco.

Questo approccio porta tuttavia con se notevoli limiti e problemi. Il più grave è che per forza di cose non è possibile "schermare" tutti i pixel: ne risentirebbe in modo irreparabile la qualità dell'immagine.

Canon EOS 70D Mirino

Il nuovo sistema Dual Pixel CMOS AF risolve il problema alla radice. Invece di mascherare alcuni pixel compromettendo le prestazioni generali del sensore, ogni pixel è stato progettato come insieme di due fotodiodi ( le unità sensibili alla luce ). Ogni pixel quindi è in grado, da progetto, di distinguere "due lati" della luce che lo colpisce ( linguaggio improprio e semplificazioni sono state volutamente inserite per chiarire il concetto ndr. )

Canon EOS 70D Mirino

Ogni pixel del nuovo CMOS è quindi in grado di rilevare la fase e di contribuire alla messa a fuoco. Non solo. Unendo i dati di più pixel il sistema acquista velocità, precisione e flessibilità consentendo di lavorare anche in condizioni difficili. Canon dichiara che è possibile sfruttare fino all'80% dei pixel del sensore per la messa a fuco il che garantirebbe la possibilità di una valutazione corretta dell'AF anche utilizzando diaframmi molto chiusi ( fino a F11 ) o in condizioni di scarsissima luminosità ( 0 EV ). La grande estensione dell'area sensibile consente inoltre il tracking dei soggetti e la rilevazione dei volti anche in movimento.

Canon EOS 70D Mirino

Il nuovo Dual Pixel CMOS AF ha il grande pregio di funzionare non solo con le nuove ottiche STM pensate per il video ma con la gran parte del catalogo lenti Canon presenti sul mercato: la casa giapponese dichiara compatibilità con ben 103 obiettivi.

Qui trovate l'elenco ufficiale:
http://consumer.usa.canon.com/cusa/consumer/products/cameras/standard_display/daf_compatible

Qui invece il link al sito Canon per maggiori informazioni:
http://www.canon.it/For_Home/Product_Finder/Cameras/Digital_SLR/Dual_Pixel_CMOS_AF/index.aspx

 

Wi-Fi

La nuova Canon EOS 70D segue le orme della sorella maggiore ( almeno per le dimensioni del sensore ) Canon EOS 6D integrando un modulo Wi-Fi grazie al quale connettersi a dispositivi mobili ( smartphone o tablet ) a computer e, in generale, avere accesso a tutte le funzioni di condivisione tanto richieste oggi per stare al passo con la diffusa voglia di condivisione delle proprie immagini e video.

L'implementazione delle funzioni Wi-Fi nella nuova Canon EOS 70D è di ottimo livello: la connessione con altri dispositivi non è immediata: portare a termine l'operazione potrebbe essere più veloce ma di sicuro non è complicato.

Nei nostri test abbiamo provato il collegamento con un iPhone 5 per poi utilizzare la pratica App che Canon mette a disposizione gratuitamente sia per iOS che per Android

Una volta connessi la fotocamera potrà essere controllata in tutte le sue funzioni da remoto: sarà possibile modificare tutti i parametri operativi, visualizzare in tempo reale ( o quasi, tra immagine visualizzata dalla macchina e immagine visualizzata sul display del telefono è presente un minimo ritardo ) quanto ripreso attraverso l'ottica, mettere a fuoco, scattare foto e visualizzare le immagini già salvate in camera.

Purtroppo non è invece possibile registrare video tramite l'App Canon.

Nel video che segue abbiamo combinato la comodità dello schermo touch per verificare l'effettiva reattività e precisione del sistema autofocus. Nel secondo video il filmato originale ripreso. I video sono stati realizzati con l'ottica Canon EF 24-70 f/4 L IS USM


E' inoltre possibile connettere la nuova Canon EOS 70D direttamente ad una rete wireless: in questo modo sarà possibile condividere immagini e video sui principali social network ( Canon Image Gateway, Facebook, Twitter e Flickr ) senza dover accedere al computer. Le immagini a seconda delle impostazioni e della destinazione saranno automaticamente ridimensionate e ottimizzate per non allungare inutilmente i tempi di upload.

Video

La nuova Canon EOS 70D è dotata di tutte le funzionalità video ormai quasi indispensabili su una moderna reflex: i filmati possono essere registrati fino alla massima risoluzione FullHD 1080p ( 1920 x 1080 ) con frame-rate impostabile tra 24, 25, 30fps oppure arrivando fino a 50fps con risoluzione limitata a 720p. Due le modalità di compressione a disposizione: intra-frame All-i per la massima qualità e inter-frame IPB per limitare lo spazio occupato su scheda sacrificando seppur in minima misura la qualità.

Il microfono stereo posizionato in prossimità della slitta flash assicura audio di qualità discreta: per esigenze più professionali è invece presente una presa ( jack ) per un microfono esterno. Assente invece l'utilissima presa cuffie per monitorare l'audio in ingresso durante la registrazione e il successivo ascolto concluse le riprese.

Nel video che segue la nostra prova sul campo: una situazione complessa, una sfida difficile a causa della ripresa "live" e non programmata di un'attività solo all'apparenza semplice come la preparazione di un piatto da parte di uno chef professionista. In tempo reale abbiamo seguito l'attività di un professionista alle prese con cibo, coltelli, padelle e quant'altro. La nuova Canon EOS 70D ha dato il meglio di se supportando le nostre scelte di inquadratura senza troppe esitazioni. La messa a fuoco rigorosamente gestita dalla macchina si è dimostrata all'altezza del compito così come la resa delle immagini nonostante la luce provenisse da molteplici fonti di illuminazione differenti.

Un secondo video esempio delle capacità della nuova Canon EOS 70D, in piena luce.

Alti ISO

Se da un lato l'adozione di un nuovo e innovativo sensore ha portato concreti miglioramenti nella gestione della messa a fuoco in live view e in modalità video, la natura stessa della struttura a doppio fotodiodo del nuovo Dual Pixel CMOS AF ha posto fin dall'inizio innumerevoli perplessità per quanto riguarda la resa delle immagini ad alti ISO. La tecnologia Dual Pixel, come suggerisce lo stesso nome, si basa infatti sull'adozione di due fotodiodi per ogni pixel: tradotto significa che in realtà il sensore della nuova Canon EOS 70D è dotato si di 20 milioni di pixel ma allo stesso tempo di ben 40 milioni di recettori, un numero finora mai visto su una reflex dotata di sensore "piccolo" quale il formato APS-C

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
ISO 100 ISO 200 ISO 400
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
ISO 800 ISO 1.600 ISO 3.200
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
ISO 6.400 ISO 12.800 ISO 25.600

Una tale densità di recettori in uno spazio così limitato, almeno in teoria, contravverrebbe la legge ormai nota che vuole il rumore digitale inversamente proporzionale alle dimensioni degli elementi preposti a ricevere la luce. Molti elementi ( in questo caso ben 40 milioni ) comportano per forza di cose dimensioni degli stessi recettori molto ridotte.

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
ISO 800 ISO 1.600 ISO 3.200
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
ISO 6.400 ISO 12.800 ISO 25.600

 

Canon EOS 70D

ISO 12.800

Canon EOS 70D Mirino

Dettaglio ISO 12.800

Canon afferma di aver sviluppato nuove modalità di lettura ed conversine dei segnali provenienti dal sensore, tanto sofisticate da garantire gli stessi livelli qualitativi dei precedenti prodotti.

Durante il nostro tour guidato abbiamo passato un'intera serata tra le meravigliose vie di Siena dove abbiamo potuto mettere alla prova, in situazioni di reale esperienza fotografica le capacità della nuova EOS 70D.

Canon EOS 70D

ISO 12.800

Canon EOS 70D Mirino

Dettaglio ISO 12.800

I risultati sono stati una grande sorpresa e allo stesso tempo conferma dell'ottimo lavoro svolto dai tecnici Canon. Qui sotto una breve galleria con le immagini scattate durante i nostri test. La fotocamera si comporta in modo ottimo fino ai valori massimi importabili ( 25.600 ). Il limite dipende sempre dalla destinazione delle immagini ovviamente. Ci sentiamo in ogni caso tranquilli nell'affermare che anche per lavori professionali la nuova Canon EOS 70D può garantire risultati qualitativi fino ad ISO 6.400.

Canon EOS 70D

ISO 2.500

Canon EOS 70D

ISO 6.400

Autofocus sul campo

Canon EOS 70D

Testare un sistema autofocus e portarlo al limite delle capacità operative non è cosa semplice con le moderne fotocamere reflex. La splendida occasione messa a disposizione dallo Staff Canon si è però rivelata il terreno ideale per toglierci ogni dubbio. Durante la due giorni di test infatti abbiamo avuto l'opportunità di fotografare un esperto falconiere alle prese con splendidi rapaci che si sono "prestati" come modelli ideali per le nostre prove.

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
ISO 6.400 ISO 12.800 ISO 25.600

La nuova Canon EOS 70D non si è fatta intimorire dalla difficile prova: soggetti di dimensioni ridotte in rapidissimo movimento ( anche oltre i 100km/h - molto di più per il piccolo falco )

Canon EOS 70D

Sfruttando le numerose opzioni di configurazione dedicate all'AF del menu della nuova Canon EOS 70D abbiamo ottimizzato il comportamento del sistema per la massima reattività. I risultati sono stati sorprendenti!

Canon EOS 70D

Ricordiamo che la nuova Canon EOS 70D si posiziona a metà della lineup Canon: nonostante questo ci è stato possibile affrontare una situazione che normalmente sarebbe stata affidata alle prestazioni della top di gamma ottenendo risultati di tutto rispetto.

Galleria Immagini

Alcune immagini scattate durante i nostri test.

Canon EOS 70D

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D>

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D

Canon EOS 70D
Canon EOS 70D
Canon EOS 70D

 

Conclusioni

La nuova Canon EOS 70D rappresenta un ottimo upgrade per chi volesse rinnovare il proprio corpo macchina e possedesse la precedente EOS 60D. La nuova EOS porta significativi miglioramenti praticamente in ogni aspetto funzionale ed ergonomico: il nuovo sistema autofocus a 19 punti ( tutti a croce ), raffica migliorata, connettività WIFI, mirino migliorato e schermo touch.

Considerando inoltre anche la grande innovazione del sensore Dual Pixel CMOS la nuova Canon EOS 70D non solo rappresenta un aggiornamento interessante ma rappresenta, senza ombra di dubbio, un nuovo punto di riferimento nel mercato e alza notevolmente il livello con il quale la concorrenza dovrà misurarsi.

Pro
Autofocus LiveView & Video
Qualità delle immagini
AF ( classico ) 19 punti a croce
Ottima Gestione ISO
Video FullHD - riferimento per il mercato
Mirino Migliorato
Schermo Articolato e Touch
Raffica 7fps
Wifi

Contro
Nessuna presa cuffie
Allogiamento memoria singolo
App limitata allo scatto di immagini - No video

 

 

 

 

Articoli Correlati
Commenta su Facebook
Commenta su ZM
GIALLO dice:
Belloccia.
 
Goose80 dice:
carina, mi pare molto orientata ai video, tra l'AF e il touch.

per il resto direi un buon miglioramento della 60D senza "sforare" troppo nel campo della 7.

Teo.
 
GIALLO dice:
Beh, forse è un po' di più di un miglioramento della 60D: tieni conto che il cambio di sensore, maggior risoluzione a parte, è epocale per una generazione di apsc - Canon che ha attraversato i modelli 7D, 60D, 550D, 600D, 650D, 700D...
Probabilmente le maggiori novità stanno proprio nella tecnologia del sensore, che - pur più denso del precedente - offre sensibilità ISO decisamente spinte. O è un bluff, o c'è un po' di sostanza e non solo marketing.
Il che lascia presagire anche altri ambiti di sviluppo, sia nel formato APSC che in quello FF.
Di solito detesto le varie profezie da forum, ma una FF ad alta densità, concorrenziale con la D800 Nikon a questo punto penso sia meno improbabile che in passato.
Buona luce
 
fiumanocarlo dice:
finalmente AF continuo in VIDEO con ottiche 'normali'
http://www.usa.canon.com/cusa/about_canon/newsroom?pageKeyCode=pressreldetail&docId=0901e02480933f37
http://www.usa.canon.com/cusa/consumer/standard_display/daf_benefits_01

Laughing
 
Zio Vare dice:
be' con la raffica e l'autofocus di questa nuova reflex c'è da chiedersi quali saranno le caratteristiche della nuova 7D Very Happy
 
Goose80 dice:
GIALLO ha scritto:
Beh, forse è un po' di più di un miglioramento della 60D: tieni conto che il cambio di sensore, maggior risoluzione a parte, è epocale per una generazione di apsc - Canon che ha attraversato i modelli 7D, 60D, 550D, 600D, 650D, 700D...
Probabilmente le maggiori novità stanno proprio nella tecnologia del sensore, che - pur più denso del precedente - offre sensibilità ISO decisamente spinte. O è un bluff, o c'è un po' di sostanza e non solo marketing.
Il che lascia presagire anche altri ambiti di sviluppo, sia nel formato APSC che in quello FF.
Di solito detesto le varie profezie da forum, ma una FF ad alta densità, concorrenziale con la D800 Nikon a questo punto penso sia meno improbabile che in passato.
Buona luce



azz.. ero convinto di aver scritto anche sensore oltre che AF e touch Wink

per migliorie rispetto alla 60D intendo dire il body, il modulo AF a 19 punti e il frame rate (e sicuramente altre cosuccie che ora mi sfuggono).

Teo.
 
Canondal1980 dice:
Zio Vare ha scritto:
be' con la raffica e l'autofocus di questa nuova reflex c'è da chiedersi quali saranno le caratteristiche della nuova 7D Very Happy


Infatti, questa ha caratteristiche "di sostanza" (raffica e punti af) oltre all'af a contrasto e le funzioni video che la mettono seriamente in concorrenza con la 7D (che comunque rimane al top per una serie di altri particolari apprezzati da pro e semipro).

Daniele
 
Canondal1980 dice:
GIALLO ha scritto:
.....
Di solito detesto le varie profezie da forum, ma una FF ad alta densità, concorrenziale con la D800 Nikon a questo punto penso sia meno improbabile che in passato.
Buona luce


Se consideriamo la densità di un attuale sensore APS-C fare una FF da 40Mpxl non è certo un'impresa, l'unico "limite" è dotarla di un'adeguato processore e relativa memoria in grado di elaborare un flusso di dati molto elevato.

Daniele
 
Canondal1980 dice:
Peccato che la disponibilità è per fine agosto, quindi niente vacanze con la nuova reflex per molti e tornando dalle vacanze/ferie con le solite tasche vuote non è allettante per nuovi acquisti.
Speriamo che per Natale il prezzo su strada scenda un po' dal listino ufficiale di 1.184 euro (comunque più basso di quello della 60D alla presentazione).

Daniele
 
GIALLO dice:
Citazione:
...fare una FF da 40Mpxl non è certo un'impresa, l'unico "limite" è dotarla di un'adeguato processore e relativa memoria in grado di elaborare un flusso di dati molto elevato.



... d'accordo, ma se c'è già riuscita Nikon, penso che possa farlo anche Canon, con l'attuale processore o - come fu per la 7D - con due di essi a dividersi i compiti.
 
roy72chi dice:
Davvero molto interessante e finalmente innovativa rispetto alle varie ultime fotocopie alle quali ci stava abituando Canon. Spero sia migliorata nella gestione del noise ad alti iso e che abbia il corpo macchina sigillato contro polvere ed umidità. Spero di vedere quanto prima una prova on the road.
 
ginopilotino dice:
Il corpo mi pare praticamente lo stesso, niente lega di magnesio.
La resa ad alti iso mi preoccupa non poco, vista la tecnologia utilizzata per l'af.
 
Irenix dice:
Zio Vare ha scritto:
be' con la raffica e l'autofocus di questa nuova reflex c'è da chiedersi quali saranno le caratteristiche della nuova 7D Very Happy



Ma tu sei convinto che a questo punto esca una 7D mkII?

Io inizio ad avere dei dubbi, nikon e canon si posizionano su fasce identiche.

La 70d è la concorrente della nikon d7100, se nikon non sforna una sostituta della d300s perchè canon dovrebbe tirare fuori una sostituta della 7d?

ciao
 
ginopilotino dice:
no, la 70D non e' della stessa fascia della D7100, come non lo era la 60D della D7000. Canon ha lasciato ampio spazio per una 7DMk2, mentre nikon ne ha lasciato davvero poco per una D400
 
Zio Vare dice:
Irenix ha scritto:
Ma tu sei convinto che a questo punto esca una 7D mkII?


penso proprio di sì. Vedere quel modulo AF sulla 70 mi fa pensare ce un po' alla volta passerà anche ai segmenti inferiori o per lo meno sulle future serie XXXD. la 7 potrà diventare a tutti gli effetti una professionale APS-C eventualmente con modulo AF ancora più evoluto, raffica simile alla serie 1, ma con il fattore di moltiplicazione apprezzato da chi ha perso il sensore APS-H. Per carità, sono tutte idee che mi sto facendo a vuoto...
 
ginopilotino dice:
non credo passeranno lo stesso af sulle serie minori.
 
Zio Vare dice:
ginopilotino ha scritto:
non credo passeranno lo stesso af sulle serie minori.


Tu guarda l'evoluzione dei sistemi af nelle reflex degli ultimi dieci anni. Guarda Nikon come è passata da tre punti della D40 (se la ricorda qualcuno?) alle attuali reflex entrylevel!
 
ginopilotino dice:
Bisogna andare molto indietro nel tempo pero'. Guarda la D7000, uscita ormai 3 anni fa, e guarda l'af delle entry attuali.
 
Snod or Die dice:
come corpo assomiglia molto alla 60D, per quanto riguarda l'Af continuo nei video gia sony su le ultime SLT utilizzava questa tecnologia.
come molti, sono curioso di vedere i raw ad alti iso.
 
Mr. Me dice:
Sono anche io curioso di vedere qualche prova intensa, ma il sensore sembra davvero un gran bel passo avanti!
 
Magh dice:
sta 70D è una vera bomba. Sono curioso di vedere i raw. potrebbe affiancare la mia 6D Wink
 
ginopilotino dice:
i sample jpeg non fanno gridare al miracolo, anzi.

http://web.canon.jp/imaging/eosd/samples/eos70d/index.html
 
yaaa85 dice:
ginopilotino ha scritto:
i sample jpeg non fanno gridare al miracolo, anzi.

http://web.canon.jp/imaging/eosd/samples/eos70d/index.html



vabbè che sono jpg ma la foto a 3200 è abbastanza pulita
 
ginopilotino dice:
abbastanza ri-pulita Smile
Sono i sample canon, dovrebbero essere perfetti.
 
Magh dice:
canon ha sempre mostrato sampler terribili
 
yaaa85 dice:
ginopilotino ha scritto:
abbastanza ri-pulita Smile
Sono i sample canon, dovrebbero essere perfetti.


vabbè chiaro, vanno visti i raw
 
roy72chi dice:
Ma cosa vi aspettate, i RAW della 6D ? Forse dimenticate che si parla di una aps-c. Qual è la reflex aps-c che genera zero noise a 3200 iso ???
 
ginopilotino dice:
I dubbi vengono per la tecnologia utilizzata. Mi pare di capire che si tratta praticamente di un sensore da 40mpixel utilizzato per meta' per la messa a fuoco.
 
zmarco dice:
ginopilotino

Più o meno. Il sensore è da 20 MPixel ma ogni pixel è composto da due fotodiodi. Le microlenti su ogni pixel suddividono la luce indirizzandola ai due dotodiodi che in questo modo possono valutare le differenze di fase ( rilevano la sfocatura ) e danno indicazioni all'ottica per la messa a fuoco.

Dal punto di vista "fotografico" i pixel restano invece 20 ( circa ) in quanto i filtri colori sono nello strato superiore. Di fatto non è quindi possibile ricavare immagini a 40 megapixel

Per quanto riguarda la 7D Canon dice che al momento il prodotto ha ancora molte ragioni per restare sul mercato. L'attuale lineup prevede 60D - 70D - 7D in ordine di "caratteristiche".

La nuova 7D arriverà quando sarà il momento ( strategico - commerciale ) di dare vere nuove funzioni avanzate.

Oggi sono stato alla presentazione ufficiale, tra poco pubblicherò la nostra consueta intervista / presentazione. Purtroppo Canon anche in questa occasione NON ci ha consentito di fare foto ... quindi per il test approfondito e le immagini dovremo aspettare settembre ...........

Se avete altre domande fatevi avanti Smile

Marco
 
ginopilotino dice:
ho letto da qualche parte che canon afferma che il rumore ad alti iso dovrebbe essere paragonabile a quello della 60D. Spero tanto che si sbaglino.
 
Canondal1980 dice:
Considerando la tecnologia adottata per il sensore non mi aspetto miracoli nella gestione del rumore, a tutti gli effetti le dimensioni di ogni singolo fotosensore sono dovute ai 40 megapixel e anche adottando tecnologie di binning non si possono certo fare miracoli, confido che sia per l'elettronica che per il firmware pur raddoppiando il numero dei fotositi il rumore rimanga al livello se non meglio di quello della 60D, tanto è chiaro che chi è alla ricerca spasmodica del rumore zero a centomila iso troverà in una fullframe pane per i suoi denti.

Daniele
 
roy72chi dice:
Canondal1980 ha scritto:
...chi è alla ricerca spasmodica del rumore zero a centomila iso troverà in una fullframe pane per i suoi denti.

Daniele



Quoto.
 
Magh dice:
Concordo. Si pretende troppo dalle APSC. Forse e' un po colpa dei meravigliosi sensori Fujifilm Razz
 
traso dice:
 
Phil3rd dice:
io non ne sarei sicuro di tutta questa abissale differenza tra una buona aps e una ff.
 
Vinx83 dice:
Magh ha scritto:
Concordo. Si pretende troppo dalle APSC. Forse e' un po colpa dei meravigliosi sensori Fujifilm Razz



ehh , in effetti , la Fuji ci riesce la canon perché no ??

Poi è vero che chi non vuole la grana/rumore ha sempre a disposizione le FF , ma se non vi dispiace io voglio una APS-C perché anche potendomi permettere una 5D MKIII (ma facendo non pochi sacrifici ) poi dove li prendo 10mila euro per un 800mm ??

E vero che molti che fanno foto naturalistiche tipo avifauna usano la 7D , ma avete notato che il 90% delle foto presentano immagini dove i pennuti se ne stanno fermi ??
Ecco se si potesse alzare un pò , non dico tanto ma almeno un pò gli iso magari se ne vedono di più in movimento e a me non dispiacerebbe da praticante del genere
 
Magh dice:
Ma no. io ho visto tanti scatti fatti con la 7D ed i pennuti in volo.
 
Zio Vare dice:
Se il 90% pennuti sono fermi è perché è pieno di fotografi con grandi attrezzature che non sono capaci a fotografarli in volo!



Lamentarsi della tenuta alle sensibilità elevate delle reflex attuali è come parlare del sesso degli angeli. Leggendo certi commenti non posso che ripensare ai fotografi pellicolari che lottavano contro i pallettoni di grana dei 400ISO e contro emulsioni a 50ASA e obiettivi che non conoscevano neanche la parola stabilizzatore.


Stiamo sempre più sforando nel grottesco.
 
Magh dice:
Concordo
 
Vinx83 dice:
Magh ha scritto:
Ma no. io ho visto tanti scatti fatti con la 7D ed i pennuti in volo.



Si ma qualitativamente a che livelli ,parlo nella media , non che alcune non sono impressionanti !!

Insomma se davanti stai con un obbiettivo non particolarmente luminoso perché quelli lunghi e luminosi costano un botto ,esempio canon f/5.6 moltiplicato quindi f/8, se vuoi tenere un tempo diciamo sui 1/1600 di sec in priorità di tempo , be per tenere quel tempo gli iso salgono . . . . .io se date uno sguardo al mio blog le foto di uccelli in volo le ho fatte pure con la mia entry 600D ( guardate le sterne di mare) ma non è sempre estate con il sole a picco , lo scorso inverno nel fotografare regoli e pettirossi stavo sempre intorno agli 800/1600 iso con la tendenza a sovraesporre perché se poi mi ritrovavo al alzare l'esposizione o le luci in PP la foto era da buttare o quantomeno i dettagli mi salutavano .


Non chiedo tanto , penso una APS-C che regga i 3200 iso come adesso le attuali 600D ,60D, 7D reggono i 1600 Iso ,possono pure sfornala . . . .anzi , se la smettessero di imbottire di megapizze sti sensori canon l'avrebbe già fatta
 
Phil3rd dice:
Vinx83 ha scritto:


Non chiedo tanto , penso una APS-C che regga i 3200 iso come adesso le attuali 600D ,60D, 7D reggono i 1600 Iso ,possono pure sfornala . . . .anzi , se la smettessero di imbottire di megapizze sti sensori canon l'avrebbe già fatta




più che le megapizze direi saperlo gestire.

come puoi vedere nell'aps ci son 3200 iso abbastanza (anche molto) meglio dei 1600 della 7d.

fare un nuovo sensore e non avanzare nella iq vorrebbe dire che non sanno farli lavorare bene.

ciao.
 
ginopilotino dice:
concordo, canon e' da un po' che trascura la resa dei sensori delle apsc. Speravo che con prima o poi avrebbe tirato fuori qualcosa al livello della concorrenza. Ma ormai non ci spero piu' tanto. E' un peccato che continuino a fissarsi con il video.
 
traso dice:
Zio Vare ha scritto:


. . . Stiamo sempre più sforando nel grottesco.



prenditi anche te un caffè (vedi sopra) e sorridi Wink
 
Mioz dice:
Salve a tutti, scusate la domanda forse un po’ “stupida” ma c’è una minima speranza che Canon anticipi l’uscita della 70d da fine agosto a fine luglio/primi di agosto?
Speravo tanto di andare in vacanza con la nuova macchina… javascript:emoticon('Crying or Very sad')

Grazie e buona giornata!
 
Magh dice:
Eifficile. semmai la posticipa. Ti tocca portarti la reflex attuale
 
ginopilotino dice:
manco si sa come va e tu la vuoi gia' comprare? Very Happy
 
Mioz dice:
È Canon, mi basta! 'Cool
 
ginopilotino dice:
 
Zio Vare dice:
ginopilotino ha scritto:
manco si sa come va e tu la vuoi gia' comprare? Very Happy

come giudicare le prestazioni di una macchina dopo averla vista in foto
 
hyles dice:
Quando uscì la 20D, la resa ad alti ISO era fenomenale. i 1600 usabili ed i 3200... dipende, molto rumorosi. Ma dava circa 2 stop alla d200 Nikon.
Poi uscì la d300 con una resa ad alti ISO spettacolare, che trasformo le 20d, 30d e 40d Canon in macchine inutilizzabili sopra 800 ISO. Quando uscì la 7D ed il tanto criticato sensore da 18mp, la d300 divenne quasi inutilizzabile perché più rumorosa della Canon ma con molti meno pixel.
Poi uscirono i nuovi sensori sony da 16-24mp dalla resa ottima e il sensore da 18mp Canon di colpo da miglior sensore aps-c divenne inutilizzabile e la Canon incapace di creare un buon sensore. Forse molti parlano senza rendersi conto di cosa può fare il 18mp Canon a 3200 ISO. Oltre è invero rumoroso, ma si parla anche di sensibilità poco utilizzate.
Non credo che la nuova 70D sarà in grado di migliorare molto la resa ad alti ISO della 60D, qualcosa sicuramente ma non di molto. E ritengo vada bene così. Quello che secondo me è il difetto della 60D non è tanto la resa quanto una certa tendenza a bruciare i bianchi. Dove il nuovo sensore deve migliorare non è tanto nel rumore ma un incremento del DR.
Mi sembra che su questa storia della resa ad alti ISO si parli un po'troppo a sproposito, se uno guarda i grafici sulle prove di dpreview, fino a 3200 ISO tutte le reflex attuali sono all'incirca allo stesso livello.
Diego
 
ginopilotino dice:
Anche la dr e' un problema, anche piu' grosso della resa ad alti iso. Pero' non prendiamoci in giro, una d7000 ha almeno mezzo stop di vantaggio su 7D/60D.
 
hyles dice:
ginopilotino ha scritto:
Anche la dr e' un problema, anche piu' grosso della resa ad alti iso. Pero' non prendiamoci in giro, una d7000 ha almeno mezzo stop di vantaggio su 7D/60D.


Che la d7000 vada meglio ad alti ISO sarà anche vero, ma dire che la 7D o tutte le reflex con il 18mp vadano male ad alti ISO è altro paio di maniche. La differenza non è che la Canon fa schifo e la d7000 è eccellente, ma che una è migliore (o meno peggio a seconda dei punti di vista) dell'altra.
Non prendiamoci in giro, le cose che si fanno con l'una le si fanno anche con l'altra. Io continuo ad usare a 1600 anche la 20D con soddisfazione, dipende dal tipo di foto che si vuole fare.
Se la resa è talmente importante che la 7D non è usabile, non credo proprio che la d7000 sforni invece foto fenomenali.
Diego
 
Magh dice:
quotone di Hyles
 
Zio Vare dice:
ginopilotino ha scritto:
Anche la dr e' un problema, anche piu' grosso della resa ad alti iso. Pero' non prendiamoci in giro, una d7000 ha almeno mezzo stop di vantaggio su 7D/60D.


MEZZO STOP DI DIFFERENZA!!!!
ESTICAZZI!!!! Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing

Scegliere una macchina o l'altra, un sistema o l'altro, per mezzo stop di differenza? Ma ci prendiamo in giro???
 
Magh dice:
corpi apparte, sceglierei Canon gia solo per il 17tse, 24tse, 35L, 50L, 85L, 135L e tutti i bianchini/oni Smile)))
 
ginopilotino dice:
mica ho detto che si preferisce una all'altra solo per quello. Ma e' un dato oggettivo, almeno mezzo stop di differenza. Che non e' affatto poco se si considera che c'e' un solo stop tra d7000 e d700, forse qualcosina in piu' rispetto alla 6D. Rispetto alla 5d2 poi siamo a circa mezzo stop, con la 5d3 circa 1 stop.
 
gabjet dice:
perché il primo video non si vede? (video privato)
 
Magh dice:
Ma come so fa a parlare di sample se non sono usciti ancora i RAW? aspettiamo settembre e poi decidiamo quanti stop è migliorata rispetto il 18mgpx
 
ginopilotino dice:
infatti, ma io parlavo dei modelli attuali
 
GIALLO dice:
Quotone di Hiles anche da parte mia
 
Thinner5 dice:
Ottima Reflex APS-C, chi usa Canon se non necessita del Full Frame non può trovare di meglio, permette praticamente di fare di tutto senza limitazioni di sorta. Ottimo il display orientabile per Macro e tutte le occasioni in cui non si può tenere la fotocamera a livello degli occhi, finalmente è anche touch indispensabile per gestire comodamente la funzionalità Wi-Fi e più comodo di quanto possa sembrare in altre situazioni. Ottima funzionalità AF anche nei video. Finalmente torna la Micro-regolazione AF, assurdamente eliminata nella 60D. Sicuramente da preferire alla 7D, a meno che non serva il suo AF più evoluto. Indubbiamente una delle migliori APS-C in commercio.
 
roy72chi dice:
Thinner5 ha scritto:
Sicuramente da preferire alla 7D, a meno che non serva il suo AF più evoluto.



Ma non è lo stesso Question
 
yaaa85 dice:
roy72chi ha scritto:
Thinner5 ha scritto:
Sicuramente da preferire alla 7D, a meno che non serva il suo AF più evoluto.



Ma non è lo stesso Question


i punti e il tipo di punti si, il sw a contorno ( tracking e l'AF di zona, per intenderci) dovrebbe fornire piu' possibilita' sulla 7D
 
Thinner5 dice:
La 7D dovrebbe avere un numero maggiore di punti AF, infatti è il Top APS-C per fotografia di sport e azione.
 
yaaa85 dice:
Thinner5 ha scritto:
La 7D dovrebbe avere un numero maggiore di punti AF, infatti è il Top APS-C per fotografia di sport e azione.


se dovrebbe averli non lo so, so che non li ha però
 
Dani8218 dice:
aggiungo un link dove c'è un'ampia recensione
http://www.cameralabs.com/reviews/Canon_EOS_70D/

non riesco a capire come si comporta col rumore di fondo, sembra che ci sia rumore cromatico già iso medi... Confused
 
Thinner5 dice:
Sembra che non le manchi praticamente niente nella sua categoria, tranne forse il mirino 100% e un corpo in metallo con Tropicalizzazione completa, ma per chi non servono certi Plus è una macchina quasi perfetta.
 
roy72chi dice:
Thinner5 ha scritto:
Sembra che non le manchi praticamente niente nella sua categoria, tranne forse il mirino 100% e un corpo in metallo con Tropicalizzazione completa, ma per chi non servono certi Plus è una macchina quasi perfetta.



Beh, fra 98% e 100% non è che poi ci sia tutta questa differenza. Sicuramente non è una discriminante. Il corpo in metallo non lo fanno neanche sulla 1DX, forse ti riferisci allo chassis interno, che cmq. è in metallo Wink
 
Thinner5 dice:
La serie 1 credo che sia in metallo, come anche la serie 5 e la 7D.
 
yaaa85 dice:
Thinner5 ha scritto:
La serie 1 credo che sia in metallo, come anche la serie 5 e la 7D.



la struttura interna (scheletro) è in magnesio, ma fuori sono plastiche (di qualità)
 
elfoleo dice:
Tra mirino a 96% e 98% non c'è nessuna differenza.
Tra mirino a 98% e 100% la differenza si vede.
Questo perché il 2% nei 2 casi è minimo, ma mentre nel primo caso ci troviamo tra tagliare un pezzo di inquadratura e tagliarne un pezzo più grande, nel secondo caso ci troviamo tra comporre correttamente sapendo cosa c'entra e cosa non c'entra nell'inquadratura e tagliare un pezzo, che anche se minimo può rovinare la foto.
 
yaaa85 dice:
elfoleo ha scritto:
Tra mirino a 96% e 98% non c'è nessuna differenza.
Tra mirino a 98% e 100% la differenza si vede.
Questo perché il 2% nei 2 casi è minimo, ma mentre nel primo caso ci troviamo tra tagliare un pezzo di inquadratura e tagliarne un pezzo più grande, nel secondo caso ci troviamo tra comporre correttamente sapendo cosa c'entra e cosa non c'entra nell'inquadratura e tagliare un pezzo, che anche se minimo può rovinare la foto.



guarda che il 2%, tra 98 e 100 ad es, e' in piu', non in meno ... non tagli niente ... potrai dover tagliare dopo, in pp, perche' ti ritrovi qualcosa che non ti aspettavi al momento dello scatto, ma non il contrario.
 
elfoleo dice:
Scusami magari mi sono spiegato male.
Al 100% vedi perfettamente cosa fotografi quindi in teoria componi perfettamente e non devi ritagliare nulla.
Al 98% vedi il 98% di ciò che fotografi, quindi in post produzione potresti avere la necessità di ritagliare la foto per eliminare qualcosa che non avevi previsto durante lo scatto.
Al 96% ti ritrovi nello stessa condizione di prima ma vedi solo il 96% di ciò che fotograferai.
Quindi tra 98 e 96 la differenza è minima.
Mentre tra 98 e 100 hai la stessa differenza di copertura (sempre 2%) ma con la differenza che a 100 vedi effettivamente ciò che fotograferai e non è cosa da poco.
 
Zio Vare dice:
elfoleo ha scritto:
S
Al 98% vedi il 98% di ciò che fotografi, quindi in post produzione potresti avere la necessità di ritagliare la foto per eliminare qualcosa che non avevi previsto durante lo scatto.


mamma mia. un vero dramma. Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes
Vorrei sapere nella storia della fotografia quante foto sono state scartate e buttate nel cestino per colpa di quel maledetto 2% mancante.
 
frenko dice:
Zio Vare ha scritto:
elfoleo ha scritto:
S
Al 98% vedi il 98% di ciò che fotografi, quindi in post produzione potresti avere la necessità di ritagliare la foto per eliminare qualcosa che non avevi previsto durante lo scatto.


mamma mia. un vero dramma. Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes
Vorrei sapere nella storia della fotografia quante foto sono state scartate e buttate nel cestino per colpa di quel maledetto 2% mancante.



ahahahahaha Laughing
 
jackonillio dice:
Zio Vare ha scritto:
elfoleo ha scritto:
S
Al 98% vedi il 98% di ciò che fotografi, quindi in post produzione potresti avere la necessità di ritagliare la foto per eliminare qualcosa che non avevi previsto durante lo scatto.


mamma mia. un vero dramma. Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes
Vorrei sapere nella storia della fotografia quante foto sono state scartate e buttate nel cestino per colpa di quel maledetto 2% mancante.


Laughing Laughing Laughing Laughing
 
elfoleo dice:
Hai ragione è un dramma... io le foto che sbaglio per quel 2% le butto nel cestino... Crying or Very sad oppure quando ho tempo mi metto a ritagliarle. Quello che volevo dire.... e che se hai un mirino al 100% eviti di stare più tempo davanti al computer a ritagliare foto.
Laughing Very Happy Smile Idea
 
effea dice:
elfoleo ha scritto:
.... e che se hai un mirino al 100% eviti di stare più tempo davanti al computer a ritagliare foto.



Ma prima di scattare, dai un'occhiata a ciò che sta attorno a ciò che ti interessa?
 
elfoleo dice:
Ma certo che mi guardo attorno.
Ho cominciato a scattare con la Canon 450D (95-96% di copertura) avevo imparato cosa avrei messo in più nell'immagine. Ma questo significava perdere qualche secondo per guardare nel mirino e girare per verificare se c'erano oggetti, colori ed altro che potevano rovinare la composizione.
Quando ho preso la 7D ho capito cosa significa vedere il 100%.
Questo non significa che le foto fanno schifo se il mirino NON è al 100%, anzi magari certe volte si aggiunge quel particolare che non avresti messo nella foto, ma se Canon i mirini al 100% li mette SOLO nelle macchine professionali (XD, tranne sulla 6D), ci sarà un perché? Non può essere solo un parametro per fare marketing (come i megapixel), ma sicuramente è qualcosa che aiuta un professionista.

effea ha scritto:
elfoleo ha scritto:
.... e che se hai un mirino al 100% eviti di stare più tempo davanti al computer a ritagliare foto.



Ma prima di scattare, dai un'occhiata a ciò che sta attorno a ciò che ti interessa?

 
Zio Vare dice:
elfoleo ha scritto:
Hai ragione è un dramma... io le foto che sbaglio per quel 2% le butto nel cestino... Crying or Very sad oppure quando ho tempo mi metto a ritagliarle.


Cioè.... mi stai dicendo che per usare la funzione crop ci metti così tanto tempo che fai prima a buttare la foto nel cestino???????? Ma se si fa più in fretta a ritagliare. Un nanosecondo e tutto è finito.
La vera differenza nei mirini la fa la dimensione. Guardare dentro una piazza d'armi è molto meglio che guardare dentro un tunnel. Non ci piove. Ma da qua a dire che si buttano foto per il 2% di inquadratura mancante ne passa di acqua sotto i ponti!
 
traso dice:
 
elfoleo dice:
No ero ironico sulla frase che mi avevano scritto nel post precedente (chissà nella storia della fotografia.....).
Comunque quello che volevo sostenere che piccoli dettagli fatto un prodotto professionale. Infatti la 70D è praticamente una 7D con il vestito della 60D. Sono i piccoli particolari che rendono ancora la 7D migliore della 70D.


Zio Vare ha scritto:
elfoleo ha scritto:
Hai ragione è un dramma... io le foto che sbaglio per quel 2% le butto nel cestino... Crying or Very sad oppure quando ho tempo mi metto a ritagliarle.


Cioè.... mi stai dicendo che per usare la funzione crop ci metti così tanto tempo che fai prima a buttare la foto nel cestino???????? Ma se si fa più in fretta a ritagliare. Un nanosecondo e tutto è finito.
La vera differenza nei mirini la fa la dimensione. Guardare dentro una piazza d'armi è molto meglio che guardare dentro un tunnel. Non ci piove. Ma da qua a dire che si buttano foto per il 2% di inquadratura mancante ne passa di acqua sotto i ponti!

 
supertoffo dice:
elfoleo ha scritto:
Infatti la 70D è praticamente una 7D con il vestito della 60D.



Non so se mi son perso qualcosa, ma il sensore della 70D è piuttosto innovativo... Ci vedo differenze di utilizzo tra le due macchine. 7D è ancora ammiraglia per la caccia fotografica (e ok per 1000 altri casi) mentre la 70D pare essere il massimo per i filmati e avere ottime doti fotografiche...
 
elfoleo dice:
Il nuovo sensore Canon è una vera a propria rivoluzione (forse l'unica grande evoluzione tecnica negli ultimi anni).
Ma dal punto di vista prettamente fotografico non ha grandissimi vantaggi.
Forse è molto utile nelle macro (dove con lo schermo orientabile è veramente il fattore in più) e nei panorami. Non so fino a che punto può funzionare (se funziona) durante un inseguimento quando lo specchio si alza. Certo per i video è una manna dal cielo.
Ciò che avrei voluto su questa nuova 70D è un sensore con gli alti iso usabili fino a 3200. Invece il guadagno sugli ISO rispetto alla 7D e forse 1 stop. Sulla 7D si comincia a vedere la grana già a 800. Avrei voluto la qualità degli 800 anche a 3200-4000 ISO.
Questo è un discorso prettamente personale che dipende dalle foto che si scattano e da come ognuno di noi usa la macchina fotografica e da cosa è più importante nello scatto.

supertoffo ha scritto:
elfoleo ha scritto:
Infatti la 70D è praticamente una 7D con il vestito della 60D.



Non so se mi son perso qualcosa, ma il sensore della 70D è piuttosto innovativo... Ci vedo differenze di utilizzo tra le due macchine. 7D è ancora ammiraglia per la caccia fotografica (e ok per 1000 altri casi) mentre la 70D pare essere il massimo per i filmati e avere ottime doti fotografiche...

 
SP3661 dice:
Giallo ha scritto:
Probabilmente le maggiori novità stanno proprio nella tecnologia del sensore, che - pur più denso del precedente - offre sensibilità ISO decisamente spinte. O è un bluff, o c'è un po' di sostanza e non solo marketing.


Probabilmente è un bluff, visto che questo "gioiello" "rivoluzionario", una "vera bomba", un "passo in avanti", una "macchina quasi perfetta" (più altre espressioni e aggettivi che ho individuato in 10 pagine di commento) le prende da una microquattroterzi nata due mesi prima. Anzi, ne eguaglia le performance solo e proprio sul comportamento alle alte sensibilità. Se n'è accorto pure un reflexista d.o.c. come Natali: "Tra le Micro Quattro Terzi Olympus continua a mantenere il primato, sia per la gamma dinamica che per la resa ad alti ISO. Siamo molto vicini ai risultati di una mirrorless APS-C come la recente NEX-5T e questo la dice lunga sull'efficienza di questi sensori. Ormai il gap è davvero minimo e la E-P5 supera le rivali in casa Panasonic e riesce anche ad oltrepassare la migliore APS-C Canon, ovvero la 70D" (fonte). Pochi altri, sembrerebbe. Ebbene, la domanda è: "sofisticate innovazioni Canon" a parte, se è "rivoluzionaria" una pachidermica dSLR APS-C che sul lato pratico e foto alla mano arranca dietro una m43... allora quella m43, che per inciso scatta 9fps + una serie di altri bonus (dai punti di MAF alla 5-Axis-IBIS, alla Auto Panning Detection, ecc.), come dovremmo considerarla?
 
Phil3rd dice:
si ma il micro 4/3 sta appaiato SOLAMENTE al peggior sensore aps attualmente in circolazione però.....
 
elfoleo dice:
Non voglio difendere a spada tratta la 70D o comunque le reflex in genere, ma certamente la rivoluzione di Canon l'ha fatta grazie a questo sensore duale. Certo per introdurre questa "rivoluzione" si paga pegno da altre parti. Ed in questo caso a Canon non è riuscita a migliorare la sensibilità agli alti iso come ha fatto tra 5D MKII e 5D MKIII.

Non condivido poi il discorso di confronto tra una reflex e una mirrorless. Certamente entrambi fanno foto e video, entrambi hanno un sensore più o meno grande, ma immagino che per dimensioni ed uso sono 2 prodotti differente con una ergonomia differente, per un pubblico differente.
Quello che voglio dire, che se voglio un apparecchio da girare il mondo, passando inosservato, mi comprerò una mirrorless, se invece ho bisogno di un prodotto con maggior ergonomia a scapito di un peso e dimensioni superiore mi prendo una reflex.
In parole povere, in giro per street o per paesi poveri ad alto rischio, userei una mirrorless, per eventi sportivi, natura, foresta amazzonica, deserto userei una reflex.
Ma ve la vedete una mirrorless con un obiettivo 70-200 F2.8 oppure un 400mm F2.8.
Viceversa vi sentirete tranquilli per Bogotà (per dire un città ad alta criminalità) con un 1D + 24-70 al collo, certamente non passerete innosservati.

Ciao Leonardo
 
SP3661 dice:
Phil3rd ha scritto:
si ma il micro 4/3 sta appaiato SOLAMENTE al peggior sensore aps attualmente in circolazione però.....


Un corredo che puoi tenere nelle tasche di una giacca e che garantisce, in volumi e pesi ridotti, la IQ di una Eos 70D è il goal del sistema m43. Per la sfida alle dSLR FX ci sono le APS di nuova specie (X-Trans) di Fuji. Per uno step ancora oltre c'è il nuovo FF di Sony. Questa è la geografia del DSLM, a ognuno secondo le proprie necessità.
 
Phil3rd dice:
questa è la tua opinione, pure io posso farmi un corredo di pancacke da tenere in tasca.
con la reflex.
 
SP3661 dice:
Phil3rd ha scritto:
questa è la tua opinione, pure io posso farmi un corredo di pancacke da tenere in tasca.
con la reflex.


In che senso la mia opinione? intendi la performance o i volumi fisici? le "opinioni" sulla performance sono il prodotto di dati, ho postato sopra una comparativa di laboratorio, e di testimonianze (peraltro anche io vengo da dSLR); le "opinioni" sui volumi sono il frutto di esperienza diretta: io l'equivalente di un 24-70 ad apertura costante f2.8 lo tengo nella tasca anteriore laterale della giacca assieme all'eq. del 70-200 f2.8.

elfoleo ha scritto:
Ma ve la vedete una mirrorless con un obiettivo 70-200 F2.8 oppure un 400mm F2.8.


Perché no? una Oly M5 con un Lumix G Vario 35-100 f2.8 costante. Non ti entrerà nella tasca della giacca come una Pen con un single-focal innestato, ma sicuramente entrambi occuperanno lo spazio e peseranno quanto il solo 70-200. Inoltre è tropicalizzata, non vedo perché non la si debba utilizzare in contesti rischiosi sotto il profilo atmosferico. Il mantra dell'ergonomia poi è il prodotto di una lunga "scuola" e abitudine operativa: se da anni siamo abituati a un certo tipo di impugnatura con le dSLR, cosa perfettamente legittima, non possiamo tuttavia proiettarne le caratteristiche in cielo come se quel form-factor fosse una legge divina. Steve Huff sostiene che la nuova M1 (mirrorless) sia un guanto, una protesi della mano, una prolunga artificiale.

Ma non voglio andare OT o flammare, mi interessava solo capire come sia ancora possibile produrre 10 pagine di commenti entusiastici su una 70D che contravvengono i dati minimi e i benchmark che circolano presso gli addetti ai lavori e i fotoamatori mediamente curiosi. Ciao.
 
Phil3rd dice:
SP3661 ha scritto:

In che senso la mia opinione?



questa è una tua opinione.

SP3661 ha scritto:
IQ di una Eos 70D è il goal del sistema m43. Per la sfida alle dSLR FX ci sono le APS di nuova specie (X-Trans) di Fuji. Per uno step ancora oltre c'è il nuovo FF di Sony. Questa è la geografia del DSLM, a ognuno secondo le proprie necessità.

 
SP3661 dice:
Phil3rd ha scritto:
questa è una tua opinione.

SP3661 ha scritto:
IQ di una Eos 70D è il goal del sistema m43. Per la sfida alle dSLR FX ci sono le APS di nuova specie (X-Trans) di Fuji. Per uno step ancora oltre c'è il nuovo FF di Sony. Questa è la geografia del DSLM, a ognuno secondo le proprie necessità.



Mi pare che molti X-Photographers siano dell'avviso che al netto delle ottiche XF e dell'abbinata sensore/processore il sistema messo in piedi da Fuji sia una possibile alternativa in termini di IQ alle attuali dSLR a pieno formato. Le testimonianze di professionisti, che leggo in Rete, sono tutte convergenti. Sul fatto che m43 non possa andare oltre l'APS delle attuali dSLR, compresa la più recente e migliore APS Canon sul mercato, che è appunto la 70D, sono semplicemente realista. Gli esperti si sono limitati a dire che in termini di resa 70D e P5 sono pari, vedi grafico sopra, io ci aggiungo soltanto che -- nonostante gli Shoot Challenges in cui una M1 è stata messa in studio a confronto con D3s, 5D MK.II e 6D -- una m43 per quanto evoluta non potrà per limiti intrinseci competere col formato pieno. Ci aggiungo anche una "previsione da forum" che vado argomentando da un po': l'APS Classico è morto e se Pentax esce con una FF, come si vocifera, quella sarà la prova definitiva. Infine ci sono le nuove FF di Sony che rappresentano un capitolo tutto nuovo del quale è prematuro parlare: aspettiamo che Zeiss sviluppi il parco ottiche. Ma, ripeto, il punto non è questo: piuttosto mi diverte l'acclamazione gerontocratica e miope di una 70D: la sensazione è stata quella di una sgarrupata infermiera cinquantenne ucraina che entra in una casa di riposo alimentando l'eccitazione di una comitiva di ottantenni rimbambiti.

Ma, ripeto, non voglio andare OT. Ciao.
 
yaaa85 dice:
secondo DxO-Lab TUTTE le canon sono da buttare. Io non lo so perche', i loro test potrebbero, senza malafede, svantaggiare i sensori Canon per qualche motivo, o questi ultimi potrebbero essere anche veramente robaccia... non lo so... di fatto non mi stupisco piu' quando l'ultima canon le prende da qualsiasi altra macchina
 
Zio Vare dice:
Mah. Come se una fotocamera fosse solo un sensore. Rolling Eyes Rolling Eyes
 
elfoleo dice:
Appunto una fotocamera non è solo il sensore, ma è tutta una serie di caratteristiche, elettroniche, meccaniche e di ergonomia, indirizzate ad un certo tipo di fotografo (non voglio parlare di fascia di mercato perché sarabbe errato o furviante).
I test su "banco" lasciano il tempo che trovano. Certamente matematicamente possono essere corretti, ma per vie di vari aspetti possono favorire un certo prodotto rispetto ad un altro. Oltretutto una cosa sono i test fatti in laboratorio in ambiente asettico, con tutto controllato, una cosa è il comportamento del sensore in condizione di lavoro (dove potrebbe essere favorito, oppure potrebbe perdere di poco, oppure essere molto peggiore rispetto ai test).
L'esempio più lampante sono i test sui motori delle auto.
Ci sono motori che secondo i test consumano pochissimi ed esprimono una potenza incredibile, ma quando si montano sulle varie auto, i consumi non sono gli stessi dei test, e la macchina è un chiodo.
Un altro esempio ma più fotografico sono i sensori Nikon e Sony. Sono identici, ma per qualche motivo (algoritmi di elaborazione, processore, scelte del produttore che avvantaggia un tipo di colore, ecc...) i processori su macchine Nikon sono superiori/diversi della Sony.

A me non piaciono le religioni (Canon/Nikon Reflex/Mirrorless), penso che ogni prodotto viene costruito per dare maggior scelta a noi fotografi. Avessi tanti soldi, mi farei un corredo che comprenderebbe una 1D MKIV, 5D MKIII, 7D, Fuji X-E1, Sony RX1 e secondo i casi uscirei con il prodotto che ritengo migliore (più o meno quello che faccio oggi, ma avendo solo corpi canon e non tutti miei).

Quando ho preso la 1D MKIII, sono subito andato a provarla in pista, mi sono reso che era una macchina eccezionale, ma se l'avessi usata per un matrimonio, sarebbe stato un disastro, perché con le dimensioni generose sei troppo "in vista" e non riesci a fare quegli scatti rubati che mi piaciono tanto.
Una volta ad un matrimonio nella camera della sposa c'erano le sorelle, io ho montato su una 5D MKIII il 70-200 F2.8 IS MKII per realizzare scatti particolari, mi sono subito reso conto che si erano irrigidite tutte quante, ho posato la 5D ed ho preso la 7D con 24-105. Bene si sono subito rilassate e certamente gli scatti con 7D + 24-105 erano decisamente migliori di quelli scattati con 5D + 70-200.
 
SP3661 dice:
Leonardo, per una sorta di nemesi mi viene clamorosamente imputato ciò che io ho sempre imputato agli altri! È singolare che si dica a me, come state facendo, che "una camera non è solo un sensore". Ho passato gli ultimi mesi, parlando di DSLM e in particolare di m43, ad argomentare per pagine e pagine con persone che si limitavano a ribattere in tre parole: "sì ma il sensore è troppo piccolo". Ancora a inizio giugno 2013 invitavo a sostituire il parametro delle dimensioni con quello più adatto di "formato" -- e di miei interventi come questo posso citartene alcune centinaia. Da mesi, a chiunque chieda consiglio nella sezione EVIL, ripeto ossessivamente: "occhio pure al processore d'immagine" (per inciso il TruePic VII credo sia il top sul mercato, o almeno tale è il riconoscimento che gli viene accordato; del resto il Jpeg OOC di Oly e Fuji è quasi il benchmark per tutti gli altri), "occhio all'elettronica"; per mesi ho cercato di far passare il messaggio che non siamo più nell'era analogica e che quindi la fisica, le "dimensioni" di un tempo, non sono tutto ma un vettore che deve coniugarsi con il fattore elettronico, il processing digitale, l'ingegneria ottica (telecentrica nel caso di specie) e non solo con quello. Poi arrivava puntuale il tizio che chiedendo consiglio diceva: "no, prendo in considerazione solo APS-C", "passo a Full Frame" (senza averne realmente la necessità né avendo consapevolezza degli oneri, non puramente economici, che il passaggio al formato pieno comporta). Insomma, io la penso esattamente allo stesso modo vostro sui sensori e per quanto magnifico sia il Sony delle m43 Oly di nuova generazione o il "PanaFuji" delle nuove m43 Lumix, ritengo da sempre che il sensore non sia tutto.

Questo è il lato più formale della cosa. Quello materiale: sugli aspetti "contestuali", per es. il tema dell'ergonomia (che rischia di diventare una foglia di fico a certi livelli), ho già risposto prima. Aggiungo che ci sono comunque anche DSLM, solitamente le cosiddette EVIL, con un assetto più tradizionale e "simil dSLR", insomma non sono tutte in stile rangefinder/Leica (quello che però personalmente io preferisco); peraltro la M1 -- dicevo a tal riguardo -- è considerata "un guanto". Sui test di laboratorio: non di soli astratti calcoli si parla qui ma anche di confronti su scatti fotografici, anche non processati, prodotti in condizione ambientali e di luce analoghe; insomma, un benchmark è una cosa di per sé rigorosa ma le prove tecniche sono solitamente corroborate, senza fare del pixel-peeping fine a se stesso, da ciò che poi a noi più interessa: le foto. Se poi trasciniamo la discussione su quella che, sempre da mesi, io chiamo "fotografia concreta", ossia sulla prassi fotografica vera e propria, sull'uso quotidiano e nelle condizioni reali di una camera, per come la vedo io il problema neanche si pone, a tutto vantaggio del DSLM per ovvie ragioni. Detto questo, malgrado le apparenze, anche per me non esistono religioni legate a brand ecc. Prima della dSLR (APS-C) Canon "scattavo Nikon", come dicono gli americani, poi ho cambiato e domani chissà. Ciao
 
elfoleo dice:
Citazione:
Detto questo, malgrado le apparenze, anche per me non esistono religioni legate a brand ecc.



Non fraintendermi, non ti conosco e non mi permetto mai sui forum di rimproverare le persone, penso semplicemente che più o meno ognuno ha una propria opinione, più o meno condivisibile.
Ciò che ti rimprovero nelle tue parole e che sembra che hai sposato la religione delle mirrorless. E per questo (leggendo tra le tue parole) non riesci a vedere i vantaggi e gli svantaggi effettivi tra i vari "formati" di macchine fotografiche.
Io ho prodotti Canon, ho avuto fuji e sono un Nikonista mancato, ho apprezzato le macchine bridge (panasonic e fuji), vari mirrorless (sony, fuji, pentax) e le reflex (Canon, Nikon). Ognuna ha i suoi pregi ed i suoi difetti, per come fotografo io nella maggior parte delle situazione la reflex è uno strumento corretto da usare.
In alcune situazione mi piacerebbe avere ancora una bridge oppure una mirrorless (per le dimensioni), ma sono poche situazioni. Ma questa è una mia opinione che va oltre la qualità della macchina fotografica.
Apprezzo tantissimo le macchine di casa Fuji, ma attualmente ha un corredo limitato e non sempre il monitor all'interno dell'oculare è il massimo (specialmente se si tratta di oggetti in movimento).
Certamente le mirrorless è il nuovo che avanza, e sicuramente spazzarà via tutta la fascia entry level o amatoriale delle reflex (ed anche semi professionali), ma per certe cose hai bisogno di sostanza e quindi di uno strumento con "tanti tasti", di dimensioni generose e ben bilanciate. Se tu oggi vai a fare un matrimonio con una mirrorless (anche full-frame), dovrai combattere con i parenti che non ti vedono come fotografo, quindi ti passano davanti o cercano di fare le foto nella posizione migliore. Questo è un esempio ma ce ne sono moltissimi. Certamente ci sono tanti esempi dove la mirrorless è superiore o se la gioca alla pari con qualsiasi ammiraglia. Ma tutto dipenda da cosa ci devi fare, ed è molto soggettivo.
 
hyles dice:
Comunque sia, la 70D è una ottima reflex ed è indubbio che la tecnologia che impiega sia innovativa, oltre che un passo avanti notevole rispetto le altre reflex canon e non solo.
Le mirrorless sono un altro discorso, secondo me non sono in competizione con le reflex. Se dovessi scegliere tra le due reflex tutta la vita, non dovendo scegliere forse una mirrorless la affiancherò alle reflex.
Riguardo la qualità immagine della 70D... penso che la maggior parte delle persone parli a sproposito senza neanche aver mai visto o usato la reflex. I test dicono che le mirrorless come QI sono migliori? Probabile che dai test possa venire fuori questo giudizio, ma dubito che qualcuno sia in grado, in un confronto, di dire quale foto è della reflex e quale della mirrorless. ed in ogni caso le differenze sono ampiamente minori di quanto non possano invece influire sulla resa obiettivo e fotografo.
Quindi tutto questo svociarsi per dire che questo è migliore di quello è solo tifo da stadio. Ognuno per fortuna ha la possibilità di scegliere cosa è migliore per il proprio utilizzo e non capisco neanche tutta questa voglia di voler a tutti i costi affermare che un prodotto è migliore di un altro. Sembra una gara, quando in fondo più che partecipanti siamo utenti.
E per fortuna siamo sommersi di ottimi prodotti.
Diego
 
oompaloompa dice:
Io in tutto questo ancora non ho capito una cosa.
Più di una, ma una mi frulla nella testa da mesi, ogni tanto la domanda la pongo, ma non ricevo risposte che soddisfino la mia curiosità.

Il dibattito negli ultimi post non è stato tanto tra DSLM e DSLR, ma tra m4/3 e reflex.
Ora, chiedo a chi avrà la voglia e la cortesia di rispondermi, per l'ennesima volta: immaginate una "mirrorless", immaginatela FF, immaginatela con lo stesso form-factor di una reflex, almeno in parte, ma con pesi ridotti.
In quel caso, quello specchio in più delle reflex, che vantaggi porterebbe rispetto al senza specchio?

Continuo a leggere che "tra reflex e ML, sceglierei comunque le prime", o che "la qualità di una reflex è imbattibile"...e io continuo a domandarmi: perchè? C'è un dato, qualcosa di simil-scientifico a corroborare queste affermazioni? O è un fatto di gusti?
La domanda è posta nel modo meno provocatorio e presuntuoso che mai...
 
Satch984 dice:
oompaloompa ha scritto:
Io in tutto questo ancora non ho capito una cosa.
Più di una, ma una mi frulla nella testa da mesi, ogni tanto la domanda la pongo, ma non ricevo risposte che soddisfino la mia curiosità.

Il dibattito negli ultimi post non è stato tanto tra DSLM e DSLR, ma tra m4/3 e reflex.
Ora, chiedo a chi avrà la voglia e la cortesia di rispondermi, per l'ennesima volta: immaginate una "mirrorless", immaginatela FF, immaginatela con lo stesso form-factor di una reflex, almeno in parte, ma con pesi ridotti.
In quel caso, quello specchio in più delle reflex, che vantaggi porterebbe rispetto al senza specchio?

Continuo a leggere che "tra reflex e ML, sceglierei comunque le prime", o che "la qualità di una reflex è imbattibile"...e io continuo a domandarmi: perchè? C'è un dato, qualcosa di simil-scientifico a corroborare queste affermazioni? O è un fatto di gusti?
La domanda è posta nel modo meno provocatorio e presuntuoso che mai...



io penso semplicemente che mettendo da parte la qualità fotografica per un attimo... quello che fa la differenza sono le esigenze di ognuno.

io preferisco avere una macchina pesante il giusto, stabile, con mirino ottico e che rimanga abbastanza equilibrata con un obiettivo pesante. mi piace avere una presa salda e non mi da fastidio avere una borsa dietro per mettere la roba.

un altra persona semplicemente potrebbe volere qualcosa di più leggero e meno ergonomico e più squilibrato. oltre a più spazio in borsa.

sono scelte, è il mercato. non c'è meglio o peggio... ci sono le necessità ed i gusti di ognuno.

cmq a proposito di ingombri... la borsa dietro la devi avere comunque quando monti obiettivi luminosi sulle mirrorless, non è che le metti in tasca.

a volte leggo i topic e mi sembra la battaglia delle fazioni... trovo la cosa molto sterile visto che secondo me, le reflex sono macchine che non verranno mai messe da parte, proprio per la loro conformazione ed ergonomia.

secondo voi perché molti preferiscono le bridge alle compatte? ecco, è lo stesso.

ciao
 
oompaloompa dice:
Sono d'accordo con te, trovo particolarmente giusto il discorso dei pesi, non necessariamente si preferiscono pesi leggeri. Anche se, è da dire, ci sono corpi ML perfettamente bilanciati per le ottiche a cui sono destinati. Concordo anche sul discorso del mirino ottico, ma in parte.
Gli ultimi EVF sono spettacolari, e anzi offrono solo vantaggi rispetto al classico OVF. Ma sono anche in questo caso gusti, che per definizione non si discutono.

Non è tanto una questione di scelta di campo, almeno per me (da notare che non ho nè lo specchio, nè posso godere della sua totale assenza Laughing ), il punto è che vorrei capire se un corpo senza specchio, ma con lo stesso identico grip, form-factor, bilanciamento, chiamiamolo come vogliamo, di una reflex, abbia qualcosa in meno rispetto alla reflex stessa. Oppure, solo cose in più, cosa di cui sono convinto (e che posso motivare ampiamente, se ne avete voglia).

Non è tanto l'utente mirrorless a essere "talebano" nella sua scelta...è una cosa che francamente appare più a parti invertite.
 
SP3661 dice:
oompaloompa ha scritto:
Non è tanto l'utente mirrorless a essere "talebano" nella sua scelta...è una cosa che francamente appare più a parti invertite.


Anche perché, contrariamente a ciò che si pensa, la maggior parte degli utenti DSLM viene da dSLR, quindi c'è un rapporto asimmetrico di conoscenza. Quoto tutto il resto di quel che hai detto, che come sai condivido completamente, dagli EVF di ultima gen. alla questione del bilanciamento (all'interno di un sistema le ottiche sono studiate per quel sistema, anche trasversalmente: per es. la M1 che ha Af a rilev. di fase e contrasto e accede a tutto il parco di eccellenti ottiche reflex 4/3, più grandi, le innesta senza scompensi), ecc.

In effetti la questione che tu hai spesso sollevato sul cosiddetto relitto evolutivo (lo specchio) è dove intendo andare a parare quando segnalo, dati e articoli alla mano, l'identica performance di 70D e P5, ossia del top APS-C Canon e di un m43 Bayer (la P5 ha ancora il filtro AA che va via con la M1). Prima o poi se ne parlerà.
 
oompaloompa dice:
SP3661 ha scritto:
oompaloompa ha scritto:
Non è tanto l'utente mirrorless a essere "talebano" nella sua scelta...è una cosa che francamente appare più a parti invertite.


Anche perché, contrariamente a ciò che si pensa, la maggior parte degli utenti DSLM viene da dSLR, quindi c'è un rapporto asimmetrico di conoscenza. Quoto tutto il resto di quel che hai detto, che come sai condivido completamente, dagli EVF di ultima gen. alla questione del bilanciamento (all'interno di un sistema le ottiche sono studiate per quel sistema, anche trasversalmente: per es. la M1 che ha Af a rilev. di fase e contrasto e accede a tutto il parco di eccellenti ottiche reflex 4/3, più grandi, le innesta senza scompensi), ecc.

In effetti la questione che tu hai spesso sollevato sul cosiddetto relitto evolutivo (lo specchio) è dove intendo andare a parare quando segnalo, dati e articoli alla mano, l'identica performance di 70D e P5, ossia del top APS-C Canon e di un m43 Bayer (la P5 ha ancora il filtro AA che va via con la M1).



Condivido tutto, e aggiungo che andando un po' oltre il discorso sui corpi, che è si soggettivo, ma che non esclude la presenza di vantaggi oggettivi, il parco ottiche disponibile per m4/3 mi fa spesso "traballare". Leica Nocticron, per citarne uno degli ultimi.

La Canon 70D presenta il nuovo sistema Dual Pixel CMOS Sensor, e ne fa uno dei suoi punti di forza. DxOmark confronta il tutto con il sistema SLT, A77 in particolare.
Il risultato è curioso...
 
hyles dice:
oompaloompa ha scritto:
Io in tutto questo ancora non ho capito una cosa.
Più di una, ma una mi frulla nella testa da mesi, ogni tanto la domanda la pongo, ma non ricevo risposte che soddisfino la mia curiosità.

Il dibattito negli ultimi post non è stato tanto tra DSLM e DSLR, ma tra m4/3 e reflex.
Ora, chiedo a chi avrà la voglia e la cortesia di rispondermi, per l'ennesima volta: immaginate una "mirrorless", immaginatela FF, immaginatela con lo stesso form-factor di una reflex, almeno in parte, ma con pesi ridotti.
In quel caso, quello specchio in più delle reflex, che vantaggi porterebbe rispetto al senza specchio?

Continuo a leggere che "tra reflex e ML, sceglierei comunque le prime", o che "la qualità di una reflex è imbattibile"...e io continuo a domandarmi: perchè? C'è un dato, qualcosa di simil-scientifico a corroborare queste affermazioni? O è un fatto di gusti?
La domanda è posta nel modo meno provocatorio e presuntuoso che mai...


Io, quando dico che preferisco la reflex, non ne faccio certo una questione di qualità immagine. Sono più che convinto che qualsiasi macchina fotografica recente, sia reflex che mirrorless, sia in grado di fornire immagini eccellenti se abbinata a buoni obiettivi e se ben usata.
Per me la reflex è più comoda da impugnare, proprio per le dimensioni, faccio moltissima macro a mano libera ed il live view è scomodo.Il mirino elettronico non mi convince. Quello ottico è più immediato e non consuma le batterie. Cosa questa importante in viaggio o quando non hai la possibilità di caricare le batterie in uso.Inoltre il peso per me non è un problema, viaggiando sempre con molti obiettivi e due corpi non ho comunque la possibilità di tenere il tutto dentro un taschino, quindi non vedo i vantaggi delle mirrorless. Anzi se permetti ti rigiro la domanda, quali sono i vantaggi delle mirrorless?
Diego
 
oompaloompa dice:
hyles ha scritto:

Io, quando dico che preferisco la reflex, non ne faccio certo una questione di qualità immagine. Sono più che convinto che qualsiasi macchina fotografica recente, sia reflex che mirrorless, sia in grado di fornire immagini eccellenti se abbinata a buoni obiettivi e se ben usata.
Per me la reflex è più comoda da impugnare, proprio per le dimensioni, faccio moltissima macro a mano libera ed il live view è scomodo.Il mirino elettronico non mi convince. Quello ottico è più immediato e non consuma le batterie. Cosa questa importante in viaggio o quando non hai la possibilità di caricare le batterie in uso.Inoltre il peso per me non è un problema, viaggiando sempre con molti obiettivi e due corpi non ho comunque la possibilità di tenere il tutto dentro un taschino, quindi non vedo i vantaggi delle mirrorless. Anzi se permetti ti rigiro la domanda, quali sono i vantaggi delle mirrorless?
Diego



Diego, rispondo volentieri alla tua domanda, ma mi sembra di continuare a parlare da solo! Very Happy
Avete già ripetuto che non riuscireste a rinunciare all'ergonomia reflex, e io ho già ripetuto un paio di volte che mi sarebbe piaciuto sapere cos'ha una reflex in più di una mirrorless, (ci riprovo) considerando un form-factor identico a quello reflex.

Lo domando davvero senza provocazioni, è una mia curiosità da profano.

I vantaggi di cui parlavo prima, vantaggi di non avere lo specchio, sono diversi...e partendo dai più banali (odio le liste, e odio impostare il discorso su "questo è meglio di quello", ma provo a essere conciso):

1) Non parliamo di ingombri, che penso siano effettivamente ridotti solo nel caso di sistema m4/3. O meglio, credo che sia più appannaggio di questo sistema, gli altri mi pare di vedere che puntino soprattutto su altro (caso a parte la recente A5000 Sony).
Ma se non parliamo di ingombri, possiamo comunque citare i pesi.
Non ho particolari problemi a portarmi dietro borsa e un paio di lenti, neppure durante trekking, ma essendo proprio in camminata che scatto di più, qualche grammo in meno, su macchina e ottiche, non mi dispiacerebbe. Per altri scopi e situazioni, il peso non è mai stato un problema.

2) Meno parti in movimento, cosa che porta all'eliminazione del micromosso (spesso leggo di "alzare lo specchio" in certe occasioni). L'eliminazione di parti mobili presumo che sia un bene anche per l'oggetto in sè, minori vibrazioni possono tradursi anche in una durata maggiore della vita del dispositivo.

3) Eliminazione dello specchio, quindi eliminazione dei ritardi di scatto. Sono il primo che non si cura dei fps o dei millisecondi, tutt'altro. Ma dato che parliamo di vantaggi, consideriamo anche quelli che meno ci interessano personalmente.

4) Mirino elettronico. Non penso che sia equivalente a quello ottico, penso che sia migliore, e a mio avviso è qui il punto di forza delle ML. Qua conviene andare nel dettaglio:

-Copertura del 100% anche su dispositivi di fascia bassa (sapete meglio di me quali sono le reflex più "abbordabili" che lo consentono...e quanto non siano abbordabili).

-LiveView anche nel mirino. Che significa poter utilizzare ottiche manuali con una regolazione del fuoco millimetrica, grazie alla possibilità di ingrandire piccole porzioni della scena direttamente nel mirino. (Sapete cosa comporta il funzionamento dell'AF in LiveView, no? Specchio giù, fuoco, scatto, specchio su. E senza specchio?)

-Correzione direttamente nell'EVF di ogni parametro che ci va di correggere, e/o visualizzare.

-Maggiore luminosità in condizioni di scarsa illuminazione, rispetto all'OVF.

5) Ultimo, ma non per ultimo, costi più contenuti. Sia per corpi che soprattutto per ottiche, di più "facile" realizzazione rispetto a quelli che già conosciamo per le reflex (e in tal senso, Renato o SP3661 ne sapranno certamente più di me, e l'hanno già detto e ripetuto in diverse occasioni).

Tutto ciò detto da uno che, come scrivevo prima, lo specchio mobile effettivamente non ce l'ha, ma non ne è nemmeno privo. Vivo nel limbo, senza corpi peso-piuma, senza ottiche compatte e leggere, ma con un ottimo EVF e tanti sogni! Twisted Evil

(Perdonate la lunghezza dell'intervento)
 
Phil3rd dice:
Pensa che a parer mio è proprio il mirino una delle cose che non mi vanno delle mirrorless Laughing
 
oompaloompa dice:
Phil3rd ha scritto:
Pensa che a parer mio è proprio il mirino una delle cose che non mi vanno delle mirrorless Laughing



E' una cosa che va provata a fondo. Wink
Non credo che sia apprezzabile solo in pochi minuti, le mie osservazioni di prima si notano dopo aver scattato in tante situazioni e condizioni diverse...la rivoluzione completa da pellicola a digitale si ha con anche l'EVF.
 
yaaa85 dice:
Il mirino elettronico sicuramente ha vantaggi, tra cui l'esposizione "live". Resta il fatto che a me piace vedere quello che c'è aldilà del vetro, e non un film in televisione, e che ho provato una fuji x-1 (pochi minuti, per carità) che mi ha fatto venire l'orticaria proprio per il mirino (quando in modalità elettronica). Per il resto la tecnologia mirrorless ha sicuramente solo vantaggi
 
oompaloompa dice:
yaaa85 ha scritto:
Il mirino elettronico sicuramente ha vantaggi, tra cui l'esposizione "live". Resta il fatto che a me piace vedere quello che c'è aldilà del vetro, e non un film in televisione, e che ho provato una fuji x-1 (pochi minuti, per carità) che mi ha fatto venire l'orticaria proprio per il mirino (quando in modalità elettronica). Per il resto la tecnologia mirrorless ha sicuramente solo vantaggi



Assolutamente. Il mio discorso è l'equivalente di numeri e numeretti nelle comparazioni, il gusto personale e il feeling non si discutono. Ma senza focus peaking e ingrandimento di MAF direttamente nel mirino, non potrei divertirmi con qualche m42 e a breve con qualche PK-mount di famiglia...quindi per l'EVF sono decisamente di parte.
 
SP3661 dice:
Aggiungo l'istogramma in tempo reale. Un buon EVF, come qualcuno ha scritto, è una specie di esposimetro sempre attivo. Fuji a parte che cerca sempre la "terza via" (vedi mirino "ibrido" ottico/elettronico della X-Pro1), i passi che sono stati fatti sui mirini elettronici in casa Sony e m43 sono enormi. Questo è un video su OVF/EVF riguardante la prima OM-D (che montava l'equivalente di un VF-2), la P5 già è accompagnata dall'ottimo (imparagonabile al precedente) VF-4 e sulla recente M1, che incorpora l'Ultimicron di Epson, questo EVF è ulteriormente perfezionato. Gli EVF delle nuove full frame di Sony (A7/r) pare siano lo stato dell'arte. Poi è vero quel che dice @yaaa85 sull'impostazione anche concettuale. È un'altra, certo, ma su ciò e in generale il gap tecnologico e operativo di qualche anno fa è ormai annullato.

Anche sul form factor concordo con @oompa: non sono mica tutte "rangefinder style" le DSLM, ci sono anche le cosiddette EVIL in assetto da dSLR (tropicalizzate e con possibilità di aggiungere battery grip, half grip, ecc.). Qui un video della GH3 con tre fotografi pro (Ira Block, Daniel Berehulak e Kazuo Unno), da allora è passato già un anno e si sta lavorando ai sensori organici. Qui su Vimeo un video splittato, girato con 5D Mk.III/GH3, full frame/m43 visto che il paragone con X-Trans o il FF di Sony sarebbe più comodo.
 
Vinx83 dice:
Causa modifica infrarosso in corso alla mia 600D , ho acquistato questa 70D , non posso ancora esprimere un parere accurato perché c'è l'ho da poco , pero questa come qualità prezzo mi sembra davvero ottima , e sul lato video io sono uno che purtroppo avvolte mi dimentico pure che li posso fare perdendomi momenti che non andavano fotografati ma registrati , ma con questa in mano ti viene voglia e potreste scoprire anche la passione per i video !!!

Altra cosa che mi stupisce e il fatto che si possa scattare velocemente con il display touch , avete presente quanto fate street e appena mettere il mirino nell'occhio attirate l'attenzione ??; Bene con questa a tracolla la sollevate un pò ,schiacciate sul touch e la foto è fatta e avete catturato il fotogramma senza che nessuno sguardo sia rivolto verso di voi .

Ovviamente venendo dalla 600D non potevo che esserne soddisfatto ma piuttosto che prendere la 7D con 100 euro in più ho preso questa , per l'ergonomia se serve ci metto un battery grip , ma francamente anche cosi va bene , la faccenda ergonomia ormai ho capito che si tratta di una cosa soggettiva , basta pensare a chi si vende la 6D perché non la trova bene in mano per comprarsi la 1dx , per poi vedere nei mercatini chi fa il contrario perché non c'è la più a portarsela appresso
 
Vinx83 dice:
Distribuisco anche qui un RAW da 4000 Iso della 70D , se ci lavorate un pochino credo vi sorprenderà !!!

http://sdrv.ms/1jBzs3t
 
roy72chi dice:
Da 2 giorni felice possessore Mr. Green
 
Vinx83 dice:
roy72chi ha scritto:
Da 2 giorni felice possessore Mr. Green



Benvenuto nel gruppo !!! Very Happy

Ti saprà stupire!!
 
roy72chi dice:
Vinx83 ha scritto:
roy72chi ha scritto:
Da 2 giorni felice possessore Mr. Green



Benvenuto nel gruppo !!! Very Happy

Ti saprà stupire!!



Denghiù Laughing
 
Commenta questa notizia! Basta registrarsi al forum di ZMPHOTO. Clicca QUI.
Galleria Fotografica
Solo gocce
Una per capello
I Like the sky
Incoming Sunrise
far 32
Monument Valley
Occhi Arabi
il mimo
Laura
Microcosmo VI
bellezze celate
L'anima del pescatore (Terrasini 2011)
Insalata
Val di Fassa
Dolomiti - Ra Gusella Under A December Night

Direttore Responsabile Marco Zanirato
ZMPHOTO è testata giornalistica registrata presso il tribunale di Monza, n. 1934 del 1/12/2008
Copyright © 2003-2016 zmphoto.it Tutti i diritti riservati.
ISSN 1827-3653 - P.IVA 04865660965
Condizioni d'Uso & Privacy
Contatti