Crisi nel Corno d'Africa - reportage

Crisi nel Corno d'Africa - reportage
47 scatti toccanti per un reportage emotivo e drammatico
La fotografia, che lo si voglia o meno, è anche questo. Crudezza, realtà, documento schietto di realtà che non sempre sono quelle che vorremmo vedere. Ma la sua forza è in ogni caso utile per trasmetterci in modo emotivamente toccante situazioni a noi distanti, ma alle quali è umanamente corretto sentirsi solidali.

Vi traduco qui sotto l'articolo di Paula Nelson apparso oggi come introduzione al reportage sul Boston Globe, nella sezione The Big Picture.

"Una delle peggiori siccità del secolo, aggravata dall'aumento dei prezzi alimentari e dalla incessante lotta politica, sta generando una crisi umanitaria immensa nella zona del Corno d'Africa. Migliaia di somali sono in fuga dalla loro patria ogni settimana, la maggior parte di coloro che sopravvivono al durissimo viaggio finiscono in campi profughi nel vicino Kenia. Le agenzie umanitarie la definiscono la peggiore siccità degli ultimi 60 anni. Sebbene focalizzata maggiormente in Somalia, che è priva di un governo funzionante e soffre le continue battaglie con i ribelli islamici, la crisi ha colpito anche le popolazioni in Gibuti, Etiopia, Kenya ed Uganda. I rapporti suggeriscono che alcune zone della Somalia potrebbero essere già sull'orlo della carestia, e si assiste alla ripetizione della situazione di emergenza di due decenni fa. Le risorse sono tristemente inadeguate. "Una fame disperata si profila attraverso il Corno d'Africa minacciando le vite di milioni di persone che stanno lottando per sopravvivere a fronte dell'aumento dei prezzi alimentari e dei conflitti", ha dichiarato Josette Sheeran, direttrice esecutiva del World Food Programme."


Qui trovate l'articolo originale e le toccanti immagini della situazione.
Per maggiori informazioni:
http://www.boston.com
Boston Globe - The Big Picture
Pubblicato: Venerdi' 29 Luglio 2011
Articoli Correlati
Commenti su Facebook
Commenti
jacopo dice:
Vedendo ciò provo vergogna nel sapere che io posso aere quante volte mi par eun piatto di pasta o una fetta di pane, loro no e non si fa abbastanza per aiutarli, tanto a noi batsa star bene a noi... Crying or Very sad Crying or Very sad
 
giuseppefaro73 dice:
Guardando l'articolo pensavo alla potenza del mezzo fotografico, che non ha bisogno di titoli o didascalie per trasmetterti un messaggio in modo brutalmente chiaro, che ti rimarrà fissato nella memoria per parecchio tempo più di un qualsiasi filmato o articolo. Pensavo anche a quanto sottile sia la linea di demarcazione tra, la necessità di documentare una tragedia di questo tipo nel modo più completo possibile, e l'abuso della dignità di alcuni soggetti finalizzato a creare lo scoop; mi riferisco alle foto dei bambini (n° 10 e 14) che mi chiedo se era necessario pubblicare. Ovviamente questo è un mio punto di vista.
 
rob71 dice:
I fotografi che hanno scattato le immagini secondo me devono avere un pelo sullo stomaco... sinceramete vedendo certe cose mi passerebbe tuta la voglia di prendere in mano la macchina fotografica e di mettermi a scattare. Sicuramente cercherei invece di rindermi utile, nel mio piccolo. così la penso io.
 
Goose80 dice:
rob71 ha scritto:
I fotografi che hanno scattato le immagini secondo me devono avere un pelo sullo stomaco... sinceramete vedendo certe cose mi passerebbe tuta la voglia di prendere in mano la macchina fotografica e di mettermi a scattare. Sicuramente cercherei invece di rindermi utile, nel mio piccolo. così la penso io.

quindi vuol dire che queste foto sono inutili secondo te? che c'è di più utile di sbattere in faccia alla gente una situazione di cui tutti se ne fregano semplicemente perchè NON sanno (o non vogliono sapere) che c'è? chi fa reportage talvolta è molto più utile di qualche burocrate che parla parla ma poi alla fine non fa altro. Ciao, Teo.
 
rob71 dice:
intendevo che io non avrei mai il coraggio di fare foto.
Goose80 ha scritto:
rob71 ha scritto:
I fotografi che hanno scattato le immagini secondo me devono avere un pelo sullo stomaco... sinceramete vedendo certe cose mi passerebbe tuta la voglia di prendere in mano la macchina fotografica e di mettermi a scattare. Sicuramente cercherei invece di rindermi utile, nel mio piccolo. così la penso io.

quindi vuol dire che queste foto sono inutili secondo te? che c'è di più utile di sbattere in faccia alla gente una situazione di cui tutti se ne fregano semplicemente perchè NON sanno (o non vogliono sapere) che c'è? chi fa reportage talvolta è molto più utile di qualche burocrate che parla parla ma poi alla fine non fa altro. Ciao, Teo.

 
valerioconverti dice:
c'è da dire che una foto ha un impatto molto più forte di qualsiasi testo o articolo
 
← News Prec. News Succ. →
Commenta questa notizia! Basta registrarsi al forum di ZMPHOTO. Clicca QUI.
Galleria Fotografica
Vite parallele
AFTER THE RAIN
sunset
Chianalea
Meeme Mod@Workshop Beauty
Elisa
Marketa 2
La camera delle meraviglie
Light 'n dark...
allocco di lapponia
Snowcycle
Beauty on the sunset
Purple
Monument valley
Scalinata al crepuscolo

Direttore Responsabile Marco Zanirato
ZMPHOTO è testata giornalistica registrata presso il tribunale di Monza, n. 1934 del 1/12/2008
Copyright © 2003-2014 zmphoto.it Tutti i diritti riservati.
ISSN 1827-3653 - P.IVA 04865660965
Condizioni d'Uso & Privacy
Contatti