Con questo reportage ho voluto oltre che rendere omaggio alle stupende maschere carnevalesche veneziane, ripercorrere la storia del carnevale di Venezia partendo dal passato e dalle sue origini. Spero di rendere piacevole la visita non solo ammirando le maschere ma anche raccontando in breve la storia di questo evento unico.

Carnevale di Venezia: dietro ad una maschera

Testo & Immagini a cura di Pierpaolo Cialini


Il Carnevale di Venezia è uno dei più conosciuti ed apprezzati carnevali del mondo.
Le sue origini sono antichissime: la prima testimonianza risale ad un documento del 1094 dove si parla di divertimenti pubblici e nel quale il vocabolo "Carnevale" viene citato per la prima volta.


L'istituzione del Carnevale da parte delle élite veneziane è attribuita alla necessità della Serenissima di concedere alla popolazione, e soprattutto ai ceti sociali più umili, un periodo dedicato interamente al divertimento e ai festeggiamenti, durante il quale i veneziani e i forestieri si riversavano in tutta la città a far festa con musiche e balli sfrenati.

Attraverso l'anonimato che garantivano maschere e costumi, si otteneva una sorta di livellamento di tutte le divisioni sociali ed era autorizzata persino la pubblica derisione delle autorità e dell'aristocrazia. Queste concessioni erano tollerate e considerate un utile sfogo ai malumori che si creavano inevitabilmente all'interno della Repubblica di Venezia, che poneva rigidi limiti su questioni come la morale comune e l'ordine pubblico dei suoi cittadini.



Con la maschera addosso, ognuno poteva stabilire atteggiamenti e comportamenti in base ai nuovi costumi: per questo motivo, il saluto che risuonava nell’incrociare un nuovo "personaggio" era semplicemente “Buongiorno signora maschera”.
Con l'usanza sempre più diffusa dei travestimenti per il Carnevale, a Venezia nacque dal nulla e si sviluppò gradualmente un vero e proprio commercio di maschere e costumi. A partire dal 1271, vi sono notizie di produzione di maschere, scuole e tecniche per la loro realizzazione. Cominciarono ad essere prodotti gli strumenti per la lavorazione specifica dei materiali quali argilla, cartapesta, gesso e garza. Durante il Carnevale le attività e gli affari dei veneziani passavano in secondo piano, ed essi concedevano molto del loro tempo a festeggiamenti, burle, divertimenti e spettacoli che venivano allestiti in tutta la città, soprattutto in Piazza San Marco, lungo la Riva degli Schiavoni e in tutti i maggiori campi di Venezia.


Nel 1700 il Carnevale di Venezia raggiunge il suo massimo splendore e riconoscimento internazionale, diventando famoso in tutta l'Europa del tempo, costituendo un'attrazione turistica ed una mèta ambita da migliaia di visitatori festanti.

L’evento più acclamato di tutto il carnevale veneziano è senza dubbio il Volo dell’angelo: In un'edizione del Carnevale verso la metà del Cinquecento, tra le varie manifestazioni e spettacoli organizzati in città, un giovane acrobata turco riuscì con il solo ausilio di un bilanciere ad arrivare al campanile di San Marco camminando nel frastuono della folla sottostante, sopra una lunghissima corda che partiva da una barca ancorata sul molo della Piazzetta. Nella discesa, invece, raggiunse la balconata del Palazzo Ducale, porgendo gli omaggi al Doge. Da qui l’evento diventò tradizione: ogni anno fu ripetuto simbolicamente l’accaduto che negli ultimi tempi ha mutato il nome nel: Volo della colombina.



Possiamo concludere affermando che il carnevale di Venezia è uno dei pochi eventi con origini lontanissime a resistere ancora nel tempo: ai nostri giorni, mediamente, accorrono al carnevale veneziano più di 100.000 visitatori.

Galleria Immagini
Informazioni sull'autore
Sono Pierpaolo Cialini, un appassionato di fotografia e viaggi. Cerco di far coincidere al meglio queste due grandi passioni.

https://www.facebook.com/pierpaolocialiniphoto
Ulteriori Informazioni

Pubblicato: Giovedi' 06 Marzo 2014
Articoli Correlati
Commenti su Facebook
Commenti
larcodema dice:
bel lavoro complimenti e comunque rimane il fatto che il carnevale di venezia è sempre molto affascinante e le sue maschere hanno un non so che di mistero!!! bravo scatti molto interessanti
 
pierpyj dice:
Grazie mille larcodema!! Hai proprio ragione, il carnevale di Venezia è unico.. Bisogna andarci almeno una volta nella vita!! Ti ringrazio di nuovo per gli apprezzamenti, alla prossima
 
FILFAUST dice:
Molto bello.....questo tuo reportage molto piacevole e scorrevole nella lettura. Chissà forse riesco ad andarci anch'io quest'anno(2015) sarà la mia prima volta..... non ho idea di come possa essere....... Complimenti ancora... Filippo
 
Commenta questo reportage! Basta registrarsi al forum di ZMPHOTO. Clicca QUI.
Galleria Fotografica
Stana2
Pink portrait
infinite harmony
Le Tre Cime di Lavaredo
Coenagrion puella
La quiete prima della tempesta
Soffice
Verso le tracce..
Life
Doccia di rugiada
Pattuglia acrobatica
Vista lago
Zen
plasticità
Beauty Widow

Direttore Responsabile Marco Zanirato
ZMPHOTO è testata giornalistica registrata presso il tribunale di Monza, n. 1934 del 1/12/2008
Copyright © 2003-2016 zmphoto.it Tutti i diritti riservati.
ISSN 1827-3653 - P.IVA 04865660965
Condizioni d'Uso & Privacy
Contatti