Ho riscoperto Cetara, a distanza di molti anni dalla mia prima visita, in una giornata uggiosa di inizio primavera. L’ho osservata in una dimensione insolita rispetto a come la ricordavo: silenziosa, non invasa dai turisti estivi e nella sua dimensione forse più autentica di borgo marinaro.

Cetara, piccolo borgo marinaro

Testo & Immagini a cura di Myskin

Cetara è un paesino della costiera amalfitana in cui risiedono poco più di 2000 abitanti. Probabilmente fondata dai saraceni intorno al IX secolo, è il secondo comune della costiera amalfitana, subito dopo Vietri sul mare, iniziando il percorso da Salerno. Di Cetara mi hanno colpito soprattutto l’architettura del borgo ed il modo in cui questa architettura risulta integrata nel paesaggio naturale, le barche disposte sulla spiaggia, oltre alla disponibilità e cordialità degli persone che ho incontrato. Ho cercato di rappresentare soprattutto le emozioni che mi suscitava il passeggiare tra le sue strade, lungo la spiaggia ed all’interno dei suoi negozi.



Osservando Cetara dal mare non si può non notare immediatamente la Torre Vicereale, una torre fortificata, nata come strumento di difesa dai pirati e successivamente entrata a far parte del sistema di 400 torri che componevano il sistema di difesa dell’Italia meridionale.





L’attività principale è probabilmente la pesca delle acciughe, che vanta una tradizione millenaria, dalle quali si ricava la famosa “colatura di alici”, ottima specialità culinaria preparata ancora oggi secondo modalità esclusivamente artigianali.







Ho riscoperto Cetara, a distanza di molti anni dalla mia prima visita, in una giornata uggiosa di inizio primavera. L’ho osservata in una dimensione insolita rispetto a come la ricordavo: silenziosa, non invasa dai turisti estivi e nella sua dimensione forse più autentica di borgo marinaro.


















La fonte per le informazioni storiche e riguardanti i beni artistici è il sito del comune di Cetara http://cetara.asmenet.it/index.php?action=index&p=85
Galleria Immagini
Informazioni sull'autore
Ulteriori Informazioni

Pubblicato: Sabato 21 Aprile 2012
Articoli Correlati
Commenti su Facebook
Commenti
dario_91 dice:
Belle immagini, reportage che mette in evidenza gli aspetti tipici di vecchi borghi, con le loro usanze e il sapore delle tradizioni, il tutto supportato da un gradevole bianco e nero. Ciao, Dario
 
myskin dice:
grazie dario per la tua disponibilità
 
Grattamacco dice:
Interessante reportage che riesce a farci assaporare questo luogo.
 
ala2310 dice:
bel reportage.. gradevole il bianco e nero.. come mio gusto personale alcune foto le avrei contrastate maggiormente complimenti.
 
myskin dice:
grazie anche a voi, grattamacco e ala2310, per i vostri commenti. ciao
 
Commenta questo reportage! Basta registrarsi al forum di ZMPHOTO. Clicca QUI.
Galleria Fotografica
Specchio delle mie brame
nudo
Spain
fiori
alba dietro al Trabucco
gocce
ritratto di un bambino con la faccia dipinta e la collana di conchiglie intorno al collo della tribù dei Mursi, Bassa Valle dell'Omo, in Etiopia.
Postazioni sul Pal Piccolo
Sopra le nuvole
...arriva la burrasca
Magic Light
the lake
Prima del 21...
lago d'anterselva B&W
chiesetta di gabbiano

Direttore Responsabile Marco Zanirato
ZMPHOTO è testata giornalistica registrata presso il tribunale di Monza, n. 1934 del 1/12/2008
Copyright © 2003-2016 zmphoto.it Tutti i diritti riservati.
ISSN 1827-3653 - P.IVA 04865660965
Condizioni d'Uso & Privacy
Contatti