Per molti è semplicemente "Santo Domingo", ma in realtà Santo Domingo è solo la capitale della Repubblica Dominicana, una terra fatta di colori, sapori e suoni tipicamente Caraibici, dove la gente ha il sorriso sulla bocca sempre e comunque.

La Repubblica Dominicana

Testo & Immagini a cura di Matteo Gusman

Il racconto di viaggio

Scegliamo l'inverno per visitare la Repubblica Dominicana, la stagione calda ma secca, e dai -5 di Milano veniamo catapultati, passando per Parigi, in un piacevolissimo clima tropicale, con minime sui 25 gradi e massime intorno ai 35-38°, niente a che vedere però con le nostre estati torride.
Il nostro viaggio inizia con l'arrivo nell'aeroporto della capitale, e ci spostiamo subito in quella che sarà la nostra "base", una 30ina di km a est di Santo Domingo.
Durante i 20 gioni di permanenza sull'isola cerchiamo di visitare e "saggiare" le varie spiagge, da quelle più famose e commerciali, a quelle più sperdute e solitarie, senza disdegnare un giro nella capitale e in piccoli paesini di pescatori e artigiani locali.

Santo Domingo: il Faro a Colon, dedicato a Cristoforo Colombo
Santo Domingo: il Faro a Colon, dedicato a Cristoforo Colombo
Palazzi in stile coloniale, botteghe in strada, e l'immancabile rete di cavi elettrici caratterizzano il centro storico di Santo Domingo
Palazzi in stile coloniale, botteghe in strada, e l'immancabile rete di cavi elettrici caratterizzano il centro storico di Santo Domingo
La statua dedicata a Cristoforo Colombo antistante la prima chiesa Cristiana del Nuovo Mondo
La statua dedicata a Cristoforo Colombo antistante la prima chiesa Cristiana del Nuovo Mondo
La chiesa, addobbata a festa... E' pur sempre il periodo Natalizio.
La chiesa, addobbata a festa... E' pur sempre il periodo Natalizio.
Due passi a piedi o in carrozza, nella città vecchia
Due passi a piedi o in carrozza, nella città vecchia
La navata centrale di un cimitero militare al coperto
La navata centrale di un cimitero militare al coperto
In una delle tantissime botteghe del centro, un artigiano lavora sapientemente foglie di tabacco per produrre ottimi sigari
In una delle tantissime botteghe del centro, un artigiano lavora sapientemente foglie di tabacco per produrre ottimi sigari


Ci accompagnerà per tutto il viaggio il ritmo di Salsa e Bachata, solitamente sparata a tutto volume in bar, ristoranti ma anche da possenti impianti Hi-fi montati direttamente sulle (scassatissime) auto. L'importante è... ballare!!
Principalmente le coste sono così diversificate: la costa a sud, che si affaccia sul mar dei caraibi, in realtà non ha moltissime spiagge, ed è poco turistica, salvo una località (Boca Chica) a pochi passi dalla capitale, dove si affollano parecchi alberghi.

Boca Chica: una barchetta riposa nel mare calmo, in attesa di turisti da portare in gita tra le mangrovie dell'isolotto antistante la spiaggia
Boca Chica: una barchetta riposa nel mare calmo, in attesa di turisti da portare in gita tra le mangrovie dell'isolotto antistante la spiaggia
Boca Chica: una galleria d'arte all'aperto, con i tipici quadri dal gusto creolo
Boca Chica: una galleria d'arte all'aperto, con i tipici quadri dal gusto creolo


Procedendo verso est troviamo Bayahibe, una piccola località dove si trova un villaggio di pescatori e alcuni resort, un mare incantevole e una spiagge dorate.
Bayahibe: una bottega sulla spiaggia espone le opere degli artigiani locali. Il mix di forme e colori non lascia indifferente, e finiamo per comprarne almeno un paio.
Bayahibe: una bottega sulla spiaggia espone le opere degli artigiani locali. Il mix di forme e colori non lascia indifferente, e finiamo per comprarne almeno un paio.
Bayahibe: non c'è che dire, i Dominicani sono un popolo allegro e spiritoso!
Bayahibe: non c'è che dire, i Dominicani sono un popolo allegro e spiritoso!


Bayahibe: le acque cristalline richiamano i colori della vegetazione circostante, il tempo di fare una foto, e un tuffo in questo splendore non ce lo leva nessuno!
Bayahibe: le acque cristalline richiamano i colori della vegetazione circostante, il tempo di fare una foto, e un tuffo in questo splendore non ce lo leva nessuno!


Sulla punta est si estende il "Parque Nacional del Este", che comprende un'isoletta che è un vero gioiello Caraibico: Isola Saona.
Lungo il tragitto in barca verso l'isola di Saona, ci fermiamo per una tappa alle piscine naturali. Ogni commento qui mi pare superfluo.....
Lungo il tragitto in barca verso l'isola di Saona, ci fermiamo per una tappa alle piscine naturali. Ogni commento qui mi pare superfluo.....
Poco più avanti ci imbattiamo in un vero e proprio tappeto di stelle marine enormi, non può mancare la foto ricordo!
Poco più avanti ci imbattiamo in un vero e proprio tappeto di stelle marine enormi, non può mancare la foto ricordo!
Alcuni pellicani seguono i nostri spostamenti, ma quando ci avviciniamo troppo, volano via, tranne lui, che, anzi, si mette in posa!
Alcuni pellicani seguono i nostri spostamenti, ma quando ci avviciniamo troppo, volano via, tranne lui, che, anzi, si mette in posa!
Arrivati sull'isola, tra un tuffo e l'altro ci concediamo il lusso di sentirci in un set di qualche calendario, e giochiamo un po' a fare foto
Arrivati sull'isola, tra un tuffo e l'altro ci concediamo il lusso di sentirci in un set di qualche calendario, e giochiamo un po' a fare foto
Non solo turisti sull'isola, anche gente del posto, che abita all'interno e viene da Bayahibe o da Boca de Yuma, un villaggio più a est
Non solo turisti sull'isola, anche gente del posto, che abita all'interno e viene da Bayahibe o da Boca de Yuma, un villaggio più a est

Risalendo la costa verso nord si incontrano i grossi complessi turistici di Bavaro Beach, enormi resort che però si intregano molto bene nell'ambiente circostante. Qui il mare è un mix di oceano e caraibi, le mille sfumature di blu contrastano in maniera piacevolissima con il bianco delle spiagge coralline. Unico neo: un po' troppo affollato per i nostri gusti!

Ritorniamo a Sud, più precisamente a Sud-est, a Bavaro, dove tutti i colori sembrano essere più accesi!
Ritorniamo a Sud, più precisamente a Sud-est, a Bavaro, dove tutti i colori sembrano essere più accesi!
Bavaro: grazie alla massiccia presenza di resort, non mancano bar, ristoranti e botteghe sulla spiaggia
Bavaro: grazie alla massiccia presenza di resort, non mancano bar, ristoranti e botteghe sulla spiaggia


Visitiamo poi la costa nord, la penisola di Samanà: qui il turismo è poco sviluppato, stiamo come base a Las Terrenas, un paesino incantevole, con piccoli bed & breakfast e spiagge da favola. Qui, grazie anche ad un clima più variabile, il paesaggio è lussureggiante, la vegetazione si estende fino a pochi passi dal mare, e il posto è veramente incontaminato, proprio perchè poco conosciuto e frequentato.

Ci spostiamo a Nord, a Las Terrenas, dove arriviamo al tramonto e ci attende una nottata di piogge intensissime, come lascia presagire la muraglia di nubi all'orizzonte
Ci spostiamo a Nord, a Las Terrenas, dove arriviamo al tramonto e ci attende una nottata di piogge intensissime, come lascia presagire la muraglia di nubi all'orizzonte
Ma siamo pur sempre su un'isola, e la mattina dopo il cielo è terso e il sole splende
Ma siamo pur sempre su un'isola, e la mattina dopo il cielo è terso e il sole splende
Due passi nella laguna formatasi tra la spiaggia e la barriera corallina... siamo gli unici nel raggio di un paio di km, un posto incantevole
Due passi nella laguna formatasi tra la spiaggia e la barriera corallina... siamo gli unici nel raggio di un paio di km, un posto incantevole
Non passa molto, che i ragazzi del posto si riversano in spiaggia per fare una partita del loro sport preferito: il baseball!
Non passa molto, che i ragazzi del posto si riversano in spiaggia per fare una partita del loro sport preferito: il baseball!
I più piccoli invece si divertono scorrazzando in riva al mare
I più piccoli invece si divertono scorrazzando in riva al mare
Procediamo lungo la penisola di Samanà, costeggiando la costa Nord, dove il vento è fortissimo e l'oceano urla
Procediamo lungo la penisola di Samanà, costeggiando la costa Nord, dove il vento è fortissimo e l'oceano urla
Il villaggio di Samanà con delle casette tipiche
Il villaggio di Samanà con delle casette tipiche


Dopo qualche giorno ritorniamo "alla base", ci godiamo gli ultimi giorni nelle spiagge vicine, visitiamo la capitale, e festeggiamo il capodanno con un mega concerto di musica caraibica ballando fino al mattino.

Arriviamo a Boca de Yuma, un piccolo villaggio di pescatori, nessun altro turista in vista! Perfetto!
Arriviamo a Boca de Yuma, un piccolo villaggio di pescatori, nessun altro turista in vista! Perfetto!
Se ci fosse un galeone all'orizzonte, sarebbe una scena da Pirati dei Caraibi
Se ci fosse un galeone all'orizzonte, sarebbe una scena da Pirati dei Caraibi


Un viaggio indimenticabile, una terra che resta nel cuore, questa è la Repubblica Dominicana!

Salutiamo il 2010, e la Repubblica Dominicana, con uno dei più classici spettacoli offerti: il tramonto sul mare!
Salutiamo il 2010, e la Repubblica Dominicana, con uno dei più classici spettacoli offerti: il tramonto sul mare!

Galleria Immagini
Informazioni sull'autore
Appassionato di viaggi, da qualche anno ho scoperto la fotografia, connubio perfetto per i viaggi.

www.flickr.com/photos/goose80/
Ulteriori Informazioni

Pubblicato: Giovedi' 22 Novembre 2012
Articoli Correlati
Commenti su Facebook
Commenti
magiumi dice:
bentornato Teo e ti accolgo subito con un bel po' d'invidia sia per dove hai passato le vacanze natalizie e sia per come riesci ad immortalare i luoghi che visiti le foto sono quasi tutte stupende, e quelle che non lo sono, sono comunque belle. un appunto sulla narrazione;: a mio avviso è poco coinvolgente troppo frammentata (vabbè... accontentati dei complimenti come fotografo Very Happy ) ps.
Citazione:
Salutiamo il 2010, e la Repubblica Dominicana, con uno dei più classici spettacoli offerti: il tramonto sul mare!
io correggerei la didascalia dell'ultima foto, altrimenti sei un po' in ritardo Mr. Green
 
Sayuri dice:
Il reportage mi è piaciuto, soprattutto alcune foto sono davvero degne di nota.. Posti stupendi ma soprattutto bravo tu! Wink
 
zUorro dice:
Bravo Teo! un bel lavoro, ricco di spunti per un aventuale viaggio fuori dalle rotte più turistiche. Devo dirti che non sono un amante del mare ma mi hai comunque invogliato a pensare ad un viaggio in quei luoghi. Se vogliamo una parte che manca un poco è quella più relativa alle scene "street" che mi pare tu abbia anche fatto ma penso che non siano state inserite sia per uniformità di colore sia per questione di attinenza. un saluto e complimenti ancora!
 
Goose80 dice:
ciao Mauro, il reportage è del viaggio del 2010, quest'anno sono andato altrove Wink Grazie a tutti. Teo.
 
Rob440 dice:
Bravo, reportage ricco e interessante, la foto del kite sufer mi piace moltissimo! Oltretutto mi hai fatto dimenticare questo freddo del diavolo Very Happy. Tra le mie preferite anche la prima in bianco e nero.
 
willyambo dice:
Ciao Teo, bellissimi scorci e bel "fotoracconto" Very Happy del luogo. Rivissuto con piacere una vacanza di qualche anno fa, proprio a Bayahibe, proprio al complesso enorme del Bavaro Beach, le spiagge, il mercatino dei quadri, tutto rivisto con molto piacere. ...... mi sono lasciato trasportare un momentino nei ricordi Mr. Green Bravo e alle prossime.
 
alebergamini dice:
ciao, non so tu come possa descrivere questo paese in questo modo! forse dentro alle aree turistiche o zone limitrofe è così.. ma nell entroterra ti assicuro che è molto molto pericoloso, io ci dovevo fare 2 mesi e dopo un mese mi hanno rubato tutto, e mentre tornavo in aereoporto in macchina per scappare da questo paese la polizia ci ha fermato e ci ha pure truffato! questi sono posti per i viaggiatori, soprattutto per chi viaggia con attrezzatura fotografica PERICOLOSISSIMI!
 
finasteride dice:
Ottimo Teo, bello e interessante reportage, sbaglio a non venire da queste parti piu spesso Wink
 
Goose80 dice:
alebergamini ha scritto:
ciao, non so tu come possa descrivere questo paese in questo modo! forse dentro alle aree turistiche o zone limitrofe è così.. ma nell entroterra ti assicuro che è molto molto pericoloso, io ci dovevo fare 2 mesi e dopo un mese mi hanno rubato tutto, e mentre tornavo in aereoporto in macchina per scappare da questo paese la polizia ci ha fermato e ci ha pure truffato! questi sono posti per i viaggiatori, soprattutto per chi viaggia con attrezzatura fotografica PERICOLOSISSIMI!
??? ho fatto 3000 (TREMILA) km in auto in lungo e in largo per la repubblica dominicana, e son passato sia in zone turistiche che nei quartieri più degradati della capitale o in paesini sperduti nel nulla, e la cosa più terrificante che mi sia successa è prendere una multa per eccesso di velocità (andavo a 130 con limite 80...) pagata 20 dollari direttamente al poliziotto che anzi mi ha pure avvisato che dopo altri 20km avrei trovato un'altra pattuglia! e ho girato dappertutto con la reflex sempre in bella vista. chiaro, devi adattarti alle usanze locali: allunga 10 dollari al ragazzo in spiaggia e sei servito e riverito tutto il giorno come un re e hai non meno di 3 paia di occhi che ti controllano borse, auto ecc ecc.... ci vuole un po' di malizia nel viaggiare.... Teo.
 
Goose80 dice:
finasteride ha scritto:
Ottimo Teo, bello e interessante reportage, sbaglio a non venire da queste parti piu spesso Wink
Grazie! Ciao, Teo.
 
alebergamini dice:
Citazione:
ci vuole un po' di malizia nel viaggiare....
ah si?! grazie mille per il consiglio!!!!!! si vede che abbiamo frequentato zone diverse... si fidi!
 
Goose80 dice:
alebergamini ha scritto:
Citazione:
ci vuole un po' di malizia nel viaggiare....
ah si?! grazie mille per il consiglio!!!!!! si vede che abbiamo frequentato zone diverse... si fidi!
si fidi, ho girato tutta l'isola. e ho un amico che abita la ormai da 5 anni, e una coppia di amici che ci va almeno 3-4 volte l'anno, e non parlo di zone turistiche. Teo.
 
mastropeppe dice:
alebergamini ha scritto:
Citazione:
ci vuole un po' di malizia nel viaggiare....
ah si?! grazie mille per il consiglio!!!!!! si vede che abbiamo frequentato zone diverse... si fidi!
sarà che avete incontrato gente diversa e a te è toccata quella sbagliata? Come dice Teo ci vuole intelliggenza nel viaggiare ed adeguarsi agli usi locali. Santo Domingo non fa eccezione.
 
Goose80 dice:
mastropeppe ha scritto:
alebergamini ha scritto:
Citazione:
ci vuole un po' di malizia nel viaggiare....
ah si?! grazie mille per il consiglio!!!!!! si vede che abbiamo frequentato zone diverse... si fidi!
sarà che avete incontrato gente diversa e a te è toccata quella sbagliata? Come dice Teo ci vuole intelliggenza nel viaggiare ed adeguarsi agli usi locali. Santo Domingo non fa eccezione.
la gente "sbagliata" ti capita anche in una qualsiasi serata Milanese, senza scomodare città notoriamente più pericolose. Teo.
 
Commenta questo reportage! Basta registrarsi al forum di ZMPHOTO. Clicca QUI.
Galleria Fotografica
Sassineri
Baia del silenzio by night
sulle spine..
Marco Simoncelli - Rally di Monza - 2010
infinite harmony
niente...
Londra Tower Bridge
Il palazzo
Agave BW
Elica
Postazioni sul Pal Piccolo
Soffice
Eyes on me
volando in mezzo alla neve
Trasimeno

Direttore Responsabile Marco Zanirato
ZMPHOTO è testata giornalistica registrata presso il tribunale di Monza, n. 1934 del 1/12/2008
Copyright © 2003-2016 zmphoto.it Tutti i diritti riservati.
ISSN 1827-3653 - P.IVA 04865660965
Condizioni d'Uso & Privacy
Contatti